martedì 25.09.2018
caricamento meteo
Sections

Geologia, sismica e suoli

GeoMol

l'obiettivo del progetto è sviluppare una base informativa 3D, condivisa a livello internazionale, per illustrare le caratteristiche, risorse e potenzialità del sottosuolo delle grandi pianure dell’avampaese alpino e della Pianura Padana.

Programma: Interreg IV B Alpine Space  GeoMol logo esteso con scritta
Capofila: Servizio geologico della Baviera
Durata:  01/10/2012 alla 30/06/2015
Contatto per la Regione Emilia-Romagna Dott. Fabio Molinari

 

Obiettivi generali del progetto

Sviluppo di una base informativa 3D, condivisa a livello internazionale, delle caratteristiche, risorse e potenzialità del sottosuolo delle grandi pianure dell’avampaese alpino e appenninico (Molassa alpina e Pianura Padana).

Il progetto, che nel bando europeo "Alpine space" indicava come area di studio lo spazio alpino, è successivamente stato esteso anche alla Pianura padana, le cui caratteristiche geologiche (pianura alluvionale) sono comparabili con i depositi di mollassa dell'area alpina.

A seguito del terremoto di maggio 2012 dell'Emilia-Romagna, l'area di studio della pianura padana ha ricevuto una maggiore attenzione a livello europeo. Il progetto infatti si concentrerà anche sullo studio delle strutture sismogenetiche sepolte nella pianura, per una corretta definizione della pericolosità sismica dell'area.

Ciò permetterà una migliore pianificazione della gestione delle risorse del sottosuolo favorendone uno sfruttamento sostenibile e la protezione. E’ importante infatti ricordare che il sottosuolo, oltre ad essere la principale fonte di approvvigionamento di acqua e combustibili fossili (petrolio, gas, carbone), offre anche importanti opportunità di riduzione di gas inquinanti in atmosfera tramite lo sfruttamento della geotermia (energia rinnovabile derivante dal calore della Terra) e lo stoccaggio di CO2 prodotta da grandi impianti; offre anche la possibilità di stoccaggio di riserve strategiche di gas.

La conoscenza delle caratteristiche geologiche, e la gestione 3D dei dati, permetterà anche una più efficace prevenzione della subsidenza conseguente l’estrazione di fluidi (acqua, gas, petrolio, ...) e degli effetti locali a seguito di terremoti.   

Partners

Leader: Bavarian Environment Agency, Department 10: Geological Survey

Francia: BRGM (Bureau of Geological and Mining Research), Regional Geological Survey Rhone-Alps

Germania Regionalverband Bodensee-Oberschwaben, State Authority for Geology, Mineral Resources and Mining - Regierungspräsidium Freiburg – Dept. 9, Technische Universität Bergakademie Freiberg - Department of Geophysics and Geoinformatics

Austria Geological Survey of Austria, Department of Mineral Resources, Department of Hydrogeology, Office of the State Government of Upper Austria - Directorate Environment and Water Management - Department of Ground Water and Drinking Water Management

Italia: ISPRA Institute for Environmental Protection and Research - Italian Geological Survey, Regione Lombardia - Territorial and Urban Planning, Directorate General, Servizio Geologico Sismico e dei suoli - Emilia-Romagna

Slovenia Geological Survey of Slovenia

Svizzera: Swiss Federal Office of Energy SFOE - Department of the Environment, Transport, Energy and Communications, Federal Office of Topography - Swiss Geological Survey, State of Geneva, Department of Security, Police and Environment Environmental Office

 

Link

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/12/2012 — ultima modifica 03/03/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it