sabato 23.06.2018
caricamento meteo
Sections

Geologia, sismica e suoli

Il Testo Unico Norme Tecniche per le Costruzioni

Documenti 2004

15/01/2004 - Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti

Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di costituzione della Commissione per la redazione del "Testo Unico della Normativa Tecnica". (113/AG/30)

  

Documenti 2005

25/03/2005 - La delegazione delle regioni in rappresentanza delle posizioni ufficiali presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Alla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province Autonome è giunto invito formale e, conseguentemente, alle Regioni Abruzzo e Basilicata (capofila in materia di Protezione Civile e Lavori Pubblici) è stato chiesto "di costituire una delegazione che rappresenti le posizioni ufficiali della Conferenza dei Presidenti, già rese note al Governo in varie sedute della Conferenza Unificata e Stato Regioni", … "nella seduta straordinaria dell'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP. … prevista per il 30 Marzo 2005.." 
Si riporta brevemente il contesto della seduta straordinaria:

  • relazioni in merito ai documenti tecnici resi disponibili in quello stesso momento (Testo Unico di n. 405 pagine, quale allegato al voto n. 35/2005 fornito in bozza di n. 38 pagine), svolte anche alla presenza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile,
  • volontà del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di far concludere con un voto formale detta seduta straordinaria

e si rimanda alla pagina della Posizione delle regioni per la copia del Testo Unico e maggiori approfondimenti - Marzo/aprile 2005 - la delegazione delle regioni in rappresentanza delle posizioni ufficiali presso il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per il Testo Unico Norme Tecniche per le Costruzioni.

  

21/04/05 - Il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici trasmette per il tramite della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e PP.AA., il parere n. 35/2005

La Regione Abruzzo ha comunicato che sono pervenuti in data 21/04/05, da parte del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per il tramite della Conferenza dei Presidenti delle Regioni e PP.AA., il parere n. 35/2005  e l'allegato Testo Unico "Norme Tecniche per le costruzioni", completi di alcune modifiche, introdotte a seguito dell'adunanza straordinaria in data 30 marzo 2005 dell'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP., quest'ultimo allegato scaricabile dal link della stessa Regione Abruzzo.
Da una prima lettura veloce del documento, rispetto al testo consegnato nella riunione del 30.3.2005, le modifiche sembrerebbero riguardare i punti:
cap.2, punto 2.5 (1° capoverso dopo definizione delle classi)
cap.8, punto 8.1 a) e b)
cap.9, punto 9.2 (1° e 3° capoverso)
cap.9, punto 9.2.1 ultimo capoverso
cap.11, punto 11.5 capoverso relativo al "deposito".

 

8/07/2005 - Nota del 4 luglio 2005, (prot. 12398/400/182 04/07/2005 UL)

"Con nota del 4 luglio 2005, (prot. 12398/400/182 04/07/2005 UL) il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha trasmesso lo schema di decreto ministeriale di adozione della normativa, in oggetto indicata, nonché l'allegato allo stesso, adeguati entrambi ai suggerimenti proposti dal Ministero dell'Interno e dal Dipartimento della Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri".
I documenti trasmessi alla Segreteria della Conferenza Unificata, e da questa resi noti anche alle Regioni, sono:

 

22/08/2005 - legge 17 agosto 2005, n. 168: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115, recante disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della pubblica amministrazione..."

Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 194 del 22 agosto 2005 la legge 17 agosto 2005, n. 168: "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 giugno 2005, n. 115, recante disposizioni urgenti per assicurare la funzionalità di settori della pubblica amministrazione …".
La legge dispone quanto segue in materia di Norme tecniche per le costruzioni:
ART. 14-undevicies. - (Regime transitorio per l'operatività delle norme tecniche per le costruzioni)
1. Dopo il comma 2 dell'articolo 5 del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, conmodificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186, e successive modificazioni, è inserito il seguente
"2-bis. Al fine di avviare una fase sperimentale di applicazione delle norme tecniche di cui al comma 1, è consentita, per un periodo di diciotto mesi dalla data di entrata in vigore delle stesse, la possibilità di applicazione, in alternativa, della normativa precedente sulla medesima materia, di cui alla legge 5 novembre 1971, n. 1086, e alla legge 2 febbraio 1974, n. 64, e relative norme di attuazione, fatto salvo, comunque, quanto previsto dall'applicazione del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 21 aprile 1993, n. 246".

 

27/09/2005 - pubblicazione versione integrale con allegato tecnico del decreto 14 settembre 2005 del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di approvazione delle "Norme tecniche per le costruzioni

Pubblicato sul Supplemento Ordinario n. 159 delle Gazzetta Ufficiale n. 222 del 23 settembre 2005 il "decreto 14 settembre 2005 del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti di approvazione delle "Norme tecniche per le costruzioni".
Il testo del decreto ministeriale può non risultare immediatamente intelligibile sull'aspetto del "Regime transitorio per l'operatività delle norme tecniche per le costruzioni": aspetto che va però riferito alla citazione ("comma 2-bis dell'art. 5 del decreto-legge 28 maggio 2004, n. 136, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 luglio 2004, n. 186") contenuta nell'art. 2, comma 1 dello stesso decreto ministeriale, essendo stato proprio detto comma 2-bis reso cogente con la nuova recente disposizione di legge pubblicata il 22 agosto 2005 (vedi sopra)

 

Documenti 2006

25/01/2006 - Pareri della Prima Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

La prima sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha espresso due pareri che, a seguito di richieste di vari enti (tra cui una richiesta della Regione Emilia-Romagna in data 21 ottobre 2005), contengono indicazioni in merito a:
1. definizione delle "zone a bassa sismicità"
2.a identificazione di valori del "grado di sismicità" per le "zone 4"
2.b esigenza di revisione legislativa dell'art. 104 del D.P.R. n. 380/2001
2.c precisazione su "inizio lavori" per "strutture prefabbricate".

 

10/04/2006 - Istituita la Commissione consultiva di monitoraggio sulle Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC)

Con decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 3819 de 02/03/2006 è stata istituita la Commissione consultiva di monitoraggio sulle Norme tecniche per le costruzioni (NTC), ai sensi dell’art. 2 del decreto ministeriale 14 settembre 2005. Con ulteriori decreti ministeriali n. 4814 16/03/2006 e n. 6298 10/4/2006, detta Commissione è stata integrata anche con rappresentanti di: Associazione Nazionale Comuni Italiani (A.N.C.I.), Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero delle Attività Produttive, Ente Nazionale Italiano di Unificazione (UNI) e Società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (R.F.I.).

 

25/07/2006 - "Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle norme tecniche per le costruzioni"

Il 21 luglio 2006 l'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici ha espresso parere favorevole (con voto n. 66/06 ) sul documento "Linee Guida per la valutazione e riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle norme tecniche per le costruzioni".
Tale documento, già redatto come testo coordinato, ha recepito numerose precisazioni, anche significative, rispetto al testo originario, condiviso di massima nelle sue linee generali, consegnato il 12 aprile 2006 ai componenti della apposita Commissione relatrice istituita dal Presidente dello stesso Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Di detta Commissione relatrice è stato chiamato a far parte anche un rappresentante della Regione Emilia-Romagna, stante una specifica nota regionale sull'argomento del 3 marzo 2006: ciò è stato senz'altro utile, anche per i potenziali intrecci di contenuto con capitoli fondamentali delle "Norme tecniche per le costruzioni" (peraltro in fase di "monitoraggio"), pur nella consapevolezza che nel caso specifico il previsto "concorso delle Regioni" dovrà avvenire per altre vie formali, ai sensi dell'art. 29-comma 5 del D.Lgs. n. 42/2004, prima della adozione delle stesse "Linee Guida" da parte del competente Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

 

Documenti 2007

 

27.02. 2007 - Approvata in via definitiva dalla Camera dei Deputati la proroga al 31.12.2007 del periodo transitorio di 18 mesi per l'applicazione, in alternativa, delle norme tecniche previgenti ovvero delle "Norme Tecniche per le Costruzioni"

Approvata in via definitiva dalla Camera dei Deputati la proroga al 31.12.2007 del periodo transitorio di 18 mesi per l'applicazione, in alternativa, delle norme tecniche previgenti ovvero delle "Norme Tecniche per le Costruzioni" allegate al D.M. 14.09.05.
Il giorno 26 febbraio 2007 la Camera dei Deputati (115^ seduta pubblica) ha approvato in via definitiva il disegno di legge, già approvato dalla Camera e modificato dal Senato, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 28 dicembre 2006, n. 300, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Disposizioni di delegazione legislativa (C2114-B). Trattasi della legge 26 febbraio 2007, n. 17 (G.U. n. 47 del 26 febbraio 2007, S.O. n. 48). 
Assume in tal modo forza di legge, per quanto attiene l’art. 3, anche il seguente emendamento (già approvato dal Senato il 15 febbraio 2007):
Dopo il comma 4, aggiungere il seguente:
" 4-bis. Il termine di cui al comma 2-bis dell'articolo 5 del decreto legge 28 maggio 2004, n. 136 convertito in legge, con modificazioni, dall'articolo 1 della legge 27 luglio 2004, n. 186, è prorogato al 31 dicembre 2007. Alle Amministrazioni aggiudicatrici che, ai sensi del predetto comma, abbiano affidato lavori o avviato progetti definitivi o esecutivi, avvalendosi della facoltà di applicare la normativa previgente sulla medesima materia di cui alla legge 5 novembre 1971, n. 1086 e 2 febbraio 1974, n. 64, e relative norme di attuazione, le precedenti norme tecniche continuano ad applicarsi fino alla data di intervenuto collaudo".

 

09.05.07 - Presentata il 2 maggio 2007 presso il Ministero delle Infrastrutture la bozza di riscrittura delle "Norme tecniche per le costruzioni"

La bozza di riscrittura delle “Norme tecniche per le costruzioni” – NTC (D.M. 14-9-2005) (aggiornata al 24-4-2007), è stata presentata alla Commissione di monitoraggio – CdM (ex art. 2 dello stesso D.M.) nella riunione del 2 maggio 2007.
Tale bozza verrà esaminata da una Commissione relatrice del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per la conseguente espressione di parere in Assemblea Generale, fermi restando gli altri adempimenti di legge tra i quali rientra la definizione di apposita “intesa” della Conferenza Unificata, ai sensi dell’art. 54 del D.Lgs. n. 112/1998: “intesa” alla quale devono quindi concorrere anche le Regioni e gli Enti locali (questi ultimi attraverso le loro Associazioni nazionali).
In relazione a quanto sopra, i rappresentanti nella CdM di Regioni-ANCI e di Ordini professionali e Associazioni imprenditoriali, hanno segnalato alcune prioritarie esigenze metodologiche in più circostanze e, in ultimo, con lettera del 22 febbraio 2007 indirizzata al Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, tenendo ben presenti anche le volontà e gli orientamenti a suo tempo espressi e riportati nel verbale della riunione CdM del 14 novembre 2006.
Pur nella dovuta considerazione dei significativi e importanti miglioramenti (es. Costruzioni esistenti) introdotti nella suddetta ultima bozza di riscrittura (delle NTC 2005), si evidenzia a maggior ragione la necessità di riguardarla con attenzione proprio alla luce di quelle “prioritarie esigenze metodologiche”. Ciò sia per organizzare le osservazioni da far giungere nelle prossime settimane alla stessa Commissione relatrice del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici (la cui Assemblea Generale dovrebbe essere convocata sull'argomento entro il prossimo mese di luglio), sia per predisporsi alla definizione della successiva “intesa” della Conferenza Unificata attraverso contenuti appropriati e verificati che possano scaturire anche da idonee sperimentazioni delle parti più innovative (es. Azione sismica) di tale ultima bozza, dovendo a questo fine considerare in modo adeguato il punto di vista di chi le "norme tecniche" deve concretamente utilizzare.

 

30.07.07 - Il 27 luglio 2007 l’Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP. si è espressa su: testo di riscrittura delle "Norme tecniche per le costruzioni"; pericolosità sismica e criteri generali di classificazione; annessi tecnici agli EC

Si pubblicano di seguito copie di documenti - relativi alla seduta del 27 luglio 2007 - che è stato finora possibile reperire, in attesa della trasmissione ufficiale alle Regioni dei tre voti espressi con relativi allegati tecnici:

Per quanto attiene l’ulteriore iter procedurale, nel quale le Regioni verranno coinvolte (assieme all’A.N.C.I., all’U.P.I. e all’U.N.C.E.M.)  quali componenti della Conferenza Unificata, si rinvia – per il momento (in attesa di ulteriori precisazioni) – a quanto già comunicato in precedenza.

 

03.08.07 - Chiesto dalle Regioni al Governo di concordare l’iter istruttorio in Conferenza Unificata per "NTC" e "Criteri": necessità di avviare urgentemente un tavolo di approfondimento congiunto Stato, Regioni ed Enti Locali

È quanto emerge dalla lettera del 1° agosto 2007 che il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha inviato al Ministro per gli Affari regionali e le autonomie locali: lettera pubblicata sul sito dell’Umbria, capofila di Regioni e Province Autonome per “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio”.
Sullo stesso sito sono pubblicati anche documenti (in bozza), relativi a “Pericolosità sismica e criteri generali di classificazione”, discussi l’11 luglio 2007 in sede di 1^ Sezione del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

 

07.09.07 - Trasmesso ufficialmente l’allegato al voto n. 36 - in data 27 luglio 2007 - dell’Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP. su pericolosità sismica e criteri generali di classificazione

La Regione Umbria, capofila di Regioni e Province Autonome per “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio”, avendo ufficialmente ricevuto la documentazione tecnica - identificata quale allegato al voto n, 36 - in data 27 luglio 2007 - dell'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP., ha comunicato che all'indirizzo http://www.protezionecivile.regione.umbria.it/ nella sezione “IN EVIDENZA” è inserita detta documentazione relativa a “Pericolosità sismica e criteri generali per la classificazione sismica del territorio”, completa di Allegato 1 corrispondente alla Tabella.xls contenente, per 10751 punti del reticolo di riferimento e per 9 valori del periodo di ritorno TR (30 anni, 50 anni, 72 anni, 101 anni, 140 anni, 201 anni, 475 anni, 975 anni, 2475 anni), i valori dei parametri ag, T0, TC* da utilizzare per definire l'azione sismica nei modi previsti dalle NTC.

 

02.10.07 - Pubblicati i voti n. 74/2007 e n. 36/2007 del Consiglio Superiore dei LL.PP. su Norme tecniche per le costruzioni e su Pericolosità sismica e criteri generali di classificazione

La Regione Umbria, capofila di Regioni e Province Autonome per "Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio", ha comunicato che sul proprio sito www.protezionecivile.regione.umbria.it nella sezione "IN EVIDENZA" è stata inserita la seguente nuova documentazione relativa alle adunanze del 13 e del 27 luglio 2007 dell´Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici:

  • Voto n. 74/2007 "AFFARI GENERALI. Norme Tecniche per le Costruzioni. Art. 5 del D.L. 28.05.2004 n. 136, convertito in legge, con modificazioni, dall´art. 1 della legge 27.07.2004, n. 186 e ss.mm.ii.";
  • Voto n. 36/2007 avente per OGGETTO: "Proposta di aggiornamento dei primi elementi riguardanti criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale, di cui al D.P. 12/RIS/SEGR. del 28 febbraio 2006. - Documento conclusivo. AFFARI GENERALI", con aggiunta (all´allegato tecnico e alla tabella dei parametri di pericolosità sismica per 10751 punti del reticolo di riferimento) della ulteriore tabella di detti parametri anche per la Sardegna e altre isole minori.

 

7.11.2007 - Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome: riunita la Commissione “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio” su Norme tecniche per le costruzioni e Criteri generali di classificazione sismica

Sugli importanti argomenti in oggetto, dopo lo svolgimento di tre riunioni tecniche dei rappresentanti delle Regioni e Province Autonome e dell’A.N.C.I., convocate il 13 settembre, il 4 e l’11 ottobre 2007 (quest’ultima con la presenza del Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. e di alcuni relatori sulle proposte di norme tecniche e criteri approvate il 27 luglio 2007 dal Consiglio stesso), si è svolta anche la Commissione “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio”, della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, formalmente convocata per il 31 ottobre 2007 dalla Presidente della Regione Umbria, capofila per la materia.
Di seguito, oltre alla lettera di convocazione, si pubblica il verbale di detta Commissione, e i due documenti richiamati nello stesso verbale:

Le posizioni che in questo modo risultano espresse in sede politica, con in primo piano l’iniziativa assunta per addivenire preventivamente ad una (più che mai urgente) norma di legge, diventano importanti riferimenti anche per la definizione dei contenuti dell’intesa da sancire in Conferenza Unificata (ai sensi dell’art. 54 del D.Lgs. n. 112/1998), dopo che il Ministero delle Infrastrutture avrà provveduto alla trasmissione formale dei documenti tecnici sui quali il 27 luglio 2007 si è espressa l’Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei LL.PP.

 

19/11/2007 - Convocata la riunione tecnica della Conferenza Unificata per l’esame del nuovo testo di “Norme tecniche per le costruzioni”

Con lettera del 13 novembre 2007, il Segretario della Conferenza Unificata ha convocato il 29 novembre 2007 apposita riunione tecnica per l’esame del nuovo testo delle “Norme tecniche per le costruzioni, trasmesso dal Ministero delle Infrastrutture per l’acquisizione dell’intesa della Conferenza Unificata, ai sensi dell’art. 54 del D.Lgs. n. 112/1998. Ai fini dell’intesa – secondo quanto già avvenuto prima del D.M. 14-9-2005 – occorrerà comunque valutare anche lo schema del relativo decreto interministeriale.
Il suddetto nuovo testo di normativa tecnica, quale allegato al voto n. 74/2007 del CSLLPP può contenere alcune modifiche (rispetto alla bozza 27-7-2007), per quanto previsto dal medesimo sopra citato voto “L’Assemblea dà inoltre mandato al Servizio Tecnico Centrale, in collaborazione con la Commissione Relatrice, di apportare al testo i perfezionamenti e le modifiche che dovessero rendersi necessari per una maggiore aderenza ai principi della norma stessa”.
In particolare, nel suddetto nuovo testo risulta confermato:

  • al Cap. 1 OGGETTO che gli “…Eurocodici con le relative Appendici Nazionali costituiscono indicazioni di comprovata validità e forniscono il sistematico supporto applicativo delle presenti norme”;
  • al & 3.2 AZIONE SISMICA, che “In allegato alla presente norma, per tutti i siti considerati, sono forniti i valori di ag, F0 e TC* necessari per la determinazione delle azioni sismiche, unitamente ai criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche ai sensi dell’art. 83 comma 2 del DPR 06.06.2001 n. 380”.

“Appendici Nazionali agli Eurocodici…” e “Pericolosità sismica e criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale” corrispondono ad altri due documenti tecnici (allegati ai voti n. 58/2007 e n. 36/2007 espressi dall’Assemblea Generale del CSLLPP sempre nella seduta del 27-7-2007) che però non risultano ancora trasmessi alla Conferenza Unificata.
Per quanto attiene invece l’urgenza di approvazione di una norma di legge che disciplini il periodo transitorio oltre che la sperimentazione delle suddette nuove "Norme tecniche per le costruzioni", dopo l’orientamento approvato il 31 ottobre 2007 dalla Commissione "Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio" della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome (orientamento comprensivo di una specifica proposta di emendamento alla legge finanziaria 2008 in corso di approvazione parlamentare), la posizione delle Regioni è stata ulteriormente ribadita con formale lettera del 15 novembre 2007 inviata al Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie locali.

 

28/11/2007 - Norme tecniche per le costruzioni: integrazione di documenti dalla Segreteria della Conferenza Unificata

Ai fini dello svolgimento della riunione tecnica del 29 novembre 2007 in Conferenza Unificata è stata trasmessa la seguente ulteriore documentazione (pervenuta alla Segreteria della Conferenza Unificata dal Ministero delle Infrastrutture):

Con lettera del 27 novembre 2007 la Regione Umbria ha trasmesso, per opportuna conoscenza, l’esito del 31 ottobre 2007 della Commissione "Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio" della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, a: Ufficio Legislativo del Ministero delle Infrastrutture, Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici e Dipartimento della Protezione Civile. Vengono così evidenziate le già note due principali condizioni, poste dalle Regioni e dalle Province Autonome, per poter sancire l’intesa in Conferenza Unificata, ai sensi dell’art. 54 del D.Lgs. n. 112/1998, sul  nuovo testo delle “Norme tecniche per le costruzioni”:

  1. rinvio, per ulteriori approfondimenti, della proposta diCriteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale”;
  2. disciplina della fase transitoria da approvare entro il 31.12.2007, contemporaneamente all’entrata in vigore delle N.T.C., identificata nel primo dei tre nuovi articoli di legge allegati al documento della Commissione. (Per gli altri due articoli, nei quali si ribadisce la richiesta di modifica degli artt. 94 e 104 del D.P.R. 380/01, la Conferenza Unificata – nella seduta del 18 ottobre 2007 – ha deliberato di costituire un apposito Tavolo politico che tratterà la questione).

 

3/12/2007 - Norme tecniche per le costruzioni: elementi emersi dalla riunione tecnica in Conferenza Unificata del 29-11-2007

La riunione tecnica del 29 novembre 2007 in Conferenza Unificata, con ampia partecipazione di rappresentanti delle diverse componenti istituzionali (dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali), ha senza alcun dubbio cercato di individuare una soluzione (entro la ravvicinata scadenza del 31-12-2007) per addivenire all’intesa in sede politica della stessa Conferenza Unificata già convocata, per le ultime due sedute del 6 e del 20 dicembre 2007.
Era già conosciuta in tal senso la posizione favorevole di Regioni e Province Autonome, pur nella ferma pregiudiziale dei noti due punti ( - rinvio, per ulteriori approfondimenti, della proposta di “Criteri generali per la classificazione sismica”; - nuovo periodo transitorio di estensione adeguata, oltre che contestuale a una sperimentazione effettiva e garantita – con monitoraggio partecipato – delle nuove NTC), così come risulta dalla lettera in data 27-11-2007 della Regione Umbria: distribuita in copia ai presenti.
Peraltro, tale lettera è stata inviata, ai competenti uffici statali, lo stesso giorno in cui i rappresentanti tecnici di Regioni e A.N.C.I., ricevendo le delegazioni di alcune Associazioni di produttori per l’esposizione di perplessità e preoccupazioni (su diversi passaggi “innovativi”della bozza di norme tecniche in esame), hanno condiviso l’orientamento di affrontare in via prioritaria le questioni poste nella prima fase di sperimentazione, immediatamente dopo l’emanazione del nuovo decreto interministeriale, annunciando tale intenzione nel corso della stessa riunione tecnica in Conferenza Unificata.
I rappresentanti dell’A.N.C.I., oltre a riconoscersi nelle precedenti posizioni, le hanno arricchite con una articolata e importante nota, distribuita in copia ai presenti: nota che si esprime anche in merito ad alcune più recenti incertezze (es. sul cap. 8) emerse con la lettera di “concerto” del Ministero dell’Interno, pervenuta assieme allo schema di decreto interministeriale e alla lettera di “concerto” del Dipartimento della Protezione Civile, quest’ultima fatta seguire da un elenco di proposte di precisazioni/rettifiche (al “testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni”).
È altresì pervenuta (il giorno prima della riunione tecnica in Conferenza Unificata) apposita lettera dell’Ufficio Affari Legislativi del Ministero delle Infrastrutture che si esprime nel merito della proposta di emendamenti trasmessa da Regioni e A.N.C.I.: lettera che evidenzia in particolare la non proponibilità (attraverso una norma di legge) dell’istituzione di una Commissione consultiva.
Lo svolgimento della riunione ha, comunque, confermato la necessità di dover trovare in ogni caso soluzioni equivalenti, oltre che concretamente praticabili entro il 31-12-2007. A tal fine i rappresentanti delle Regioni hanno illustrato e motivato la nuova proposta di inserire contenuti simili (a quelli proponibili per una norma di legge) direttamente nel dispositivo del decreto interministeriale di approvazione del “testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni”. Chi presiedeva la riunione ha conseguentemente richiesto ai rappresentanti delle Regioni di trasmettere a breve, alla Segreteria della Conferenza Unificata, la formulazione scritta della proposta normativa nella doppia ipotesi (di norma di legge ovvero di decreto interministeriale) per l’ulteriore valutazione da parte dei competenti uffici statali.

 

3/12/2007 - Norme tecniche per le costruzioni: completamento di documentazione dopo gli incontri tecnici della scorsa settimana

In risposta alla nota – in data 30 novembre 2007 – del Segretario della Conferenza Unificata, la Regione Umbria, capofila della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome per “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio”, ha fatto pervenire copia della lettera in data odierna a firma della Presidente Maria Rita Lorenzetti, indirizzata agli Uffici Legislativi dei Ministeri delle Infrastrutture e dell’Interno e al Dipartimento della Protezione Civile (oltre che allo stesso Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome), lettera completa di allegati relativi a:

  • “…nuova formulazione dell’articolo di legge…che dovrebbe disciplinare il regime transitorio per l’operatività della revisione delle Norme tecniche” (allegato 1);
  • in alternativa, “nello spirito di massima collaborazione che deve distinguere i rapporti tra Stato e Regioni … una bozza di D.M. elaborata dalle Regioni … proposta…” per “…disciplinare il regime transitorio con lo stesso Decreto con cui si approvano le Norme tecniche” (allegato 2);
  • suggerimenti per apportare “… al testo normativoprecisazioni formalial fine di tener conto del rinvio dell’approvazione dei criteri per la classificazione sismica del territorio nazionale” (allegato 3).

La lettera della Presidente dell’Umbria si conclude ricordando che “… le Regioni, pur avendo convenuto sulla richiesta di separare l’approvazione del regime transitorio per l’operatività delle Norme tecniche per le costruzioni dalla discussione sulla modifica degli articoli 94 e 104 del DPR 380/01, ribadiscono la necessità di convocare urgentemente il Tavolo di confronto politico sull’argomento, deciso nella Conferenza Unificata del 18 ottobre”.
In data odierna la Regione Umbria ha trasmesso anche copia del verbale relativo all’incontro tecnico interregionale del 27 novembre 2007 nel quale sono state ricevute le delegazioni di alcune Associazioni di produttori. 

 

07/12/2007 - Norme tecniche per le costruzioni: ritrasmesso testo con rettifiche introdotte dopo la riunione tecnica in Conferenza Unificata del 29-11-2007

Con nota del 6 dicembre 2007 il Segretario della Conferenza Unificata  ha trasmesso nuovamente il documento contenente le “Norme tecniche per le costruzioni”, con relativo allegato di “Pericolosità sismica.
In conseguenza dello svolgimento della riunione tecnica in Conferenza Unificata del 29-11-2007 e delle relative note presentate (sia da Organi statali che dall’A.N.C.I. e dalle Regioni), tale documento e allegato contengono alcune rettifiche proposte dal Ministero delle Infrastrutture in previsione dell’intesa da sancire in Conferenza Unificata, probabilmente nella seduta del 20 dicembre 2007.
A tal fine, dopo avere positivamente riscontrato l’accoglimento del rinvio – per ulteriori approfondimenti – della proposta di “Criteri generali per la classificazione sismica”, si è adesso in attesa di conoscere la risposta del Ministero delle Infrastrutture all’altra “condizione per l’intesa delle Regioni sul provvedimento” (vedi lettera della Presidente dell’Umbria in data 3 dicembre 2007) relativa alla norma di legge – ovvero di decreto interministeriale – per disciplinare il regime transitorio, oltre che la sperimentazione con monitoraggio del “testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni”.

 

18/12/2007 - Norme tecniche per le costruzioni: ritrasmesso testo con rettifiche introdotte a seguito di “concerto” tra Ministero Infrastrutture e Ministero dell’Interno

Con nota del 18 dicembre 2007 il Segretario della Conferenza Unificata ha trasmesso nuovamente il documento contenente le “Norme tecniche per le costruzioni” con relativo allegato di “Pericolosità sismica”.
Dopo lo svolgimento della riunione tecnica in Conferenza Unificata del 29-11-2007 e le relative note presentate (sia da Organi statali che dall’A.N.C.I. e dalle Regioni), in ultimo con nota del 13 dicembre 2007 da parte del Ministero dell’Interno, tale versione del documento, con relativo allegato, si può ritenere come definitiva in previsione dell’intesa da sancire in Conferenza Unificata, probabilmente nella seduta del 20 dicembre 2007.
A tal fine, dopo avere positivamente riscontrato l’accoglimento del rinvio – per ulteriori approfondimenti – della proposta di “Criteri generali per la classificazione sismica”, si è però ancora in attesa di conoscere la risposta del Ministero delle Infrastrutture all’altra “condizione per l’intesa delle Regioni sul provvedimento” (vedi lettera della Presidente dell’Umbria in data 3 dicembre 2007) relativa alla norma che deve disciplinare il regime transitorio, oltre che la sperimentazione con monitoraggio del “testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni”.

Documenti 2008

 

7/01/2008 - Norme tecniche per le costruzioni e regime transitorio

A fronte delle incertezze emerse, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’art. 20 (Regime transitorio per l’operatività della revisione delle norme tecniche per le costruzioni) del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248, con nota regionale del 2 gennaio 2008, indirizzata ai Servizi Tecnici di Bacino, si è ritenuto “… di consigliare – con riferimento a progetti che dovessero essere redatti o istruiti in questi giorni – di tenere (o fare) presente la insufficiente chiarezza dell’attuale quadro normativo di riferimento…”. Ciò in attesa di potere trasmettere “… successive informazioni …” più precise “…solo a seguito di notizie ufficiali in ambito nazionale …”.
Con propria nota del 4 gennaio 2008, la Presidente della Regione Umbria, capofila della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome per “Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio ”, ha richiesto al Ministro delle Infrastrutture “… di farsi promotore, con la massima consentita urgenzadiiniziativa …” per un  “ … provvedimento che proroghi …  il termine dell’art. 5 del D.L. n. 136/04, già fissato dall’art. 8 della legge n. 17/07 al 31 dicembre 2007, fino all’entrata in vigore della nuova  normativa”.

 

14/01/2008 - Decreto ministeriale di approvazione del testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni

Come riscontrabile dall’allegata copia di fax, il Ministro delle Infrastrutture, Antonio Di Pietro, ha firmato il decreto di approvazione del testo aggiornato delle Norme tecniche per le costruzioni.
In particolare si evince da tale decreto che, stante il “parere circostanziato emesso dall’Austria ai sensi dell’articolo 9.2 della direttiva 98/34/CE, secondo il quale la misura proposta presenterebbe aspetti che possono eventualmente creare ostacoli alla libera circolazione dei servizi o alla libertà di stabilimento degli operatori di servizi nell’ambito del mercato interno”, l’approvazione del testo aggiornato delle norme tecniche per le costruzioni (nella versione già nota, trasmessa il 18 dicembre 2007 dal Segretario della Conferenza Unificata assieme all’allegato di “Pericolosità sismica”) è stata decretata “ad eccezione delle tabelle 4.4.III e 4:4.IV e del Capitolo 11.7”. Vi è inoltre l’esplicita disposizione che “Le presenti norme sostituiscono quelle approvate con il decreto ministeriale 14 settembre 2005”.
Il nuovo decreto, ai sensi dell’art. 52, comma 3 del D.P.R. n. 380/2001, dopo le altre due firme “di concerto” (del Ministro dell’Interno e del Capo del Dipartimento della Protezione Civile), entrerà in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 

17/01/2008 - Definizione in corso del nuovo regime transitorio relativo alle norme tecniche per le costruzioni

Proposte modifiche all’art. 20 del decreto-legge 31-12-2007 n. 248
Ai fini della conversione in legge  del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (cosiddetto “milleproroghe”), sono stati presentati gli emendamenti per il prosieguo dei lavori parlamentari avviati la scorsa settimana presso le Commissioni I (Affari Costituzionali) e V (Bilancio e Tesoro) della Camera dei Deputati. In particolare per quanto attiene l’ art. 20 - Regime transitorio per l’operatività della revisione delle norme tecniche per le costruzioni , risultano essere stati presentati n. 7 emendamenti per complessive firme di n. 16 Deputati.
In merito all’esigenza di modificare e rendere chiaro l’attuale dispositivo dell’art. 20 del decreto-legge n. 248/2007 è nel frattempo stato espresso parere favorevole dalla Commissione VIII (Ambiente), con formale nota del 16 gennaio 2008 nella quale risulta in particolare sottolineata la condizione di cui alla lettera b).

 

25/01/2008 - Parere della Conferenza Unificata sul disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 248/2007

Proposte concordate di modifiche anche all’art. 20 del decreto-legge 31-12-2007 n. 248.
Nella seduta del 24 gennaio 2008, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha definito un ‘Parere sul disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 recante: “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria” (A.C. 3324)’.
Tale parere contiene anche una proposta di riformulazione dell’art. 20 (Regime transitorio per l’operatività della revisione delle norme tecniche per le costruzioni), sulla base dei diversi emendamenti già presentati alle Commissioni I (Affari Costituzionali) e V (Bilancio e Tesoro) della Camera dei Deputati, in previsione del prossimo esame in Aula del provvedimento.
Il documento è stato, quindi, consegnato al Governo nella seduta pomeridiana della Conferenza Unificata che ha espresso parere favorevole con richieste emendative.

 

05/02/2008 - Pubblicate nella Gazzetta Ufficiale le nuove norme tecniche per le costruzioni

Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008 – Supplemento Ordinario n. 30
Nella Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008 – Supplemento Ordinario n. 30 è stato pubblicato il decreto 14 gennaio 2008 “Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni” del Ministro delle infrastrutture, di concerto con il Ministro dell’interno e con il Capo Dipartimento della protezione civile.
Si riporta di seguito in copia, oltre all’indice della Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2007, solo il testo del decreto 14 gennaio 2008 , rinviando ovviamente alla copia integrale dello stesso Supplemento Ordinario (di complessive 653 pagine) per qualsiasi riferimento di dettaglio, pur nella consapevolezza che l’intero testo – tenendo conto delle precisazioni (relative al legno) inserite nel dispositivo del decreto – si identifica necessariamente con quello depositato in Conferenza Unificata ai fini dell’intesa sancita il 20 dicembre 2007, sia per la parte di “Norme tecniche” che per il relativo allegato di “Pericolosità sismica”.
Tali documenti si possono anche scaricare come unico file compresso (Norme tecniche)proveniente dal sito del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Del dispositivo del decreto14 gennaio 2008, è importante comunque sottolineare che le nuove norme tecniche per le costruzioni:

  • sostituiscono quelle approvate con il decreto ministeriale 14 settembre 2005.” (art. 1);
  • entrano in vigore trenta giorni dopo la pubblicazione del … decreto nella Gazzetta Ufficiale” (art. 2) e, quindi, a partire dal 5 marzo 2008.

Entrambi questi aspetti hanno ovviamente notevole importanza per la definizione del regime transitorio attraverso la conversione in legge dell’art. 20 del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248: conversione che dovrebbe avvenire entro il 29 febbraio 2008 (a meno di reiterazione con altro decreto-legge).
Alcuni giorni fa e, precisamente, nella Gazzetta Ufficiale n. 24 del 29 gennaio 2008 – Supplemento Ordinario n. 25, c’è stata anche la pubblicazione della “Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri per la valutazione e la riduzione del rischio sismico del patrimonio culturale con riferimento alle norme tecniche per le costruzioni”, approvata il 12 ottobre 2007.
Tale direttiva, pur nella sua minore valenza rispetto al citato decreto del 14 gennaio 2008 (per le diverse caratteristiche di cogenza), ha comunque una sua rilevanza, non solo per i  contenuti tecnici esemplificati (ai fini delle valutazioni di sicurezza e degli interventi di miglioramento su costruzioni esistenti con particolari caratteristiche), ma anche per il metodo prefigurato.
Infatti, il dispositivo di adozione, oltre a stabilire un’entrata in vigore differita (“decorsi novanta giorni dalla sua pubblicazione”), precisa “ai fini del monitoraggio sull’attuazione” della stessa direttiva che “nel corso dell’anno successivo alla sua entrata in vigore, anche al fine di renderla coerente con le norme tecniche per le costruzioni di successiva emanazione, viene istituita una cabina di regia Stato-regioni presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della protezione civile”. È stata in tal modo riconosciuta formalmente un’esigenza (di sperimentazione attuativa e relativo monitoraggio) che ha risvolti più ampi della direttiva in questione, tanto più nell’intreccio di contenuti con le nuove norme tecniche per le costruzioni.

 

21/02/2008 - Approvazione della Camera dei Deputati del disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 248 del 2007 (A.C. 3324-A/R)

Nuovo testo sostitutivo dell’art. 20 del decreto-legge 31-12-2007 n. 248
Nella seduta del 20 febbraio 2008, la Camera dei Deputati ha approvato, con emendamenti, il disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 recante: “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria” (A.C. 3324)’. Nella prossima settimana il provvedimento passa all’esame del Senato della Repubblica per la sua definitiva approvazione entro il 29 febbraio 2008.
Per quanto in particolare attiene l’articolo 20(Regime transitorio per l’operatività della revisione delle norme tecniche per le costruzioni)la Camera dei Deputati ha approvato un testo sostitutivo, sostanzialmente coincidente con quello proposto dalle Regioni e dall’A.N.C.I. e  consegnato il 24 gennaio 2008 al Governo in sede di Conferenza Unificata, come si evince dalle allegate pagine estratte da “sommario” e “allegato A ai resoconti” della seduta del 20 febbraio 2008.

 

28/02/2008 - Approvazione del Senato della Repubblica del disegno di legge di conversione del decreto-legge n. 248 del 2007

Approvazione finale del nuovo testo sostitutivo dell’art. 20 del decreto-legge 31-12-2007 n. 248.
Nella seduta del 27 febbraio 2008, il Senato della Repubblica ha approvato, con conferma dei medesimi emendamenti già introdotti dalla Camera dei Deputati, il disegno di legge di conversione del decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 recante: “Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e disposizioni urgenti in materia finanziaria” (2013).
Per quanto in particolare attiene l’articolo 20(Regime transitorio per l’operatività della revisione delle norme tecniche per le costruzioni) – è quindi confermato il testo sostitutivo, secondo la versione ulteriormente perfezionata, nel passaggio tra Camera e Senato, con l’aggiunta dei riferimenti di Gazzetta Ufficiale per tutti i decreti ministeriali citati nel comma 2.

19/03/2008 - Bozza di istruzioni applicative delle nuove norme tecniche per le costruzioni

Sulla bozza di Istruzioni per l'applicazione delle "Norme tecniche per le costruzioni" di cui al al D.M. 14 gennaio 2008, si è svolta una prima seduta (il 14 marzo 2008) dell'Assemblea Generale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.
Tale bozza (aggiornata al 7 marzo 2008) è scaricabile dal sito della Regione Umbria che, in qualità di Regione capofila per "Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio" ha convocato una prossima riunione tecnica interregionale dedicata anche a questo tema.

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/04/2012 — ultima modifica 04/07/2014
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it