Acque sotterranee

Cosa fa la Regione

In adempimento ai dettami delle norme comunitarie e nazionali, la Regione svolge attività di pianificazione, gestione e controllo delle acque sotterranee.

Ai sensi delle Direttive 2000/60/CE e 2006/118/CE, D. Lgs. 152/06 e 30/2009, la Regione ha caratterizzato e individuato i corpi idrici sotterranei, stabilito i valori soglia e gli standard di qualità per definire il buono stato chimico, definito i criteri per il monitoraggio quantitativo e per la classificazione dei corpi idrici sotterranei o dei raggruppamenti degli stessi.

drenaggio.jpg

L’individuazione dei corpi idrici è avvenuta tenendo conto delle condizioni di stato ambientale definito attraverso il monitoraggio delle acque sotterranee svolto in Emilia-Romagna a partire dal 1976 e tenendo conto delle pressioni e degli impatti esistenti.

Allo stato attuale, la rete di monitoraggio dei corpi  idrici sotterranei di pianura e di montagna, individuati ai sensi delle norme comunitarie e nazionali, dispone di 744 stazioni: 118  per la misura dei parametri qualitativi, 147 per quelli quantitativi e  479 per  entrambe le misure.

analisi acque sotterranee.jpg

A chi rivolgersi

Servizio Tutela e Risanamento Acqua, Aria e Agenti Fisici
viale della Fiera, 8
40127 Bologna
tel. 051.527.6980
fax 051.527.6874
email AmbPiani@Regione.Emilia-Romagna.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/10/16 14:25:00 GMT+1 ultima modifica 2018-12-13T14:08:04+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina