Geologia, sismica e suoli

Itinerari geologico-ambientali nelle colline bolognesi (2001)

Carta piegata in scala 1:50.000, 2001

foto pubblicazioneDescrizione:
Carta piegata in scala 1:50.000

Abstract:
Studiando le rocce delle colline bolognesi è possibile ripercorrere gran parte dell'evoluzione dell'Appennino; una storia lunga centinaia di milioni di anni, le cui tracce più antiche sono custodite nelle scure argille, spesso variegate, che si possono ammirare in numerosi calanchi. Osservando da vicino queste rocce si può apprezzare la tendenza a suddividersi in piccole e lucide scaglie, a causa dell'intensa deformazione subita; per questo ultimo attributo il geologo Bianconi, nel 1840, le battezzò "Argille Scagliose". Le argille inglobano frammenti di rocce diverse per età e composizione, tra le quali spiccano blocchi bianchi e tenaci di calcari, lembi nastriformi di marne bianche, arenarie di colore bruno e talvolta anche frammenti delle scure e pesanti rocce ofiolitiche (resti di antichi fondali oceanici di natura magmatica e metamorfica).

Editore:
Regione Emilia-Romagna, Servizio Geologioco, Sismico e dei Suoli, Bologna Turismo

Autori:
Regione Emilia-Romagna, Servizio Geologioco, Sismico e dei Suoli

Anno della pubblicazione:
2001

Su richiesta:
tel: 051-5274792
fax: 051-5274208
e-mail segreteria

 

 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina