Aree di Riequilibrio Ecologico e Siti Natura 2000, cosa cambia?

Le principali novità introdotte dalla nuova Legge regionale n. 24 del 27 dicembre 2018. Prevista la possibilità per i Comuni di stipulare convenzioni per la gestione

Cambiano le procedure per istituire delle ARE (Aree di Riequilibrio Ecologico) ed è prevista la possibilità di convenzioni tra Comuni nella gestione delle ARE o dei Siti Natura 2000 di interesse sovracomunale. Sono queste le principali novità introdotte dalla recente legge regionale 24/2018 (pdf, 473.7 KB), approvata dalla Regione Emilia-Romagna lo scorso 27 dicembre. 

In particolare le Aree di Riequilibrio Ecologico, finora istituite dagli Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità, saranno invece istituite dalla Giunta regionale, sentita la competente Commissione assembleare. La proposta di istituzione può essere avanzata dai Comuni e le loro Unioni, dalle Province e dalla Città metropolitana di Bologna, dopo aver consultato le associazioni ambientaliste e agricole più rappresentative a livello regionale e dei proprietari delle aree interessate.

Saranno sempre i Comuni o le loro Unioni a occuparsi della loro gestione

Inoltre, la legge regionale n. 24 introduce nella L.R. 6/2005 un nuovo articolo, il 54 bis "Ambiti di tutela naturalistica di interesse sovracomunale", che prevede che Comuni o Unioni, qualora siano interessati dalla presenza sul proprio territorio di ARE o di Siti Rete Natura 2000 potranno stipulare convenzioni fra loro finalizzate alla gestione e/o alla conservazione di queste aree. 

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/01/02 14:35:00 GMT+1 ultima modifica 2019-01-10T11:05:45+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina