Tutela dell’ambiente e riduzione dei consumi energetici, da Hera un nuovo progetto per il depuratore di Modena

Il nuovo sistema punta a migliorare la qualità dell’acqua in uscita

Da Hera arriva un nuovo progetto, realizzato in collaborazione con Energy Way, per il depuratore delle acque reflue urbane di Modena, che è stato dotato di un sistema all’avanguardia, unico in Italia, per contenere ulteriormente i consumi energetici e migliorare la qualità dell’acqua in uscita. L’obiettivo è di rispettare e tutelare il più possibile l’ambiente e chi lo abita, con lo sviluppo di soluzioni e modelli matematici per l’ottimizzazione e l’efficientamento dei processi industriali.

Il progetto realizzato sul depuratore modenese, che è già stato oggetto di importanti interventi di efficientamento energetico negli anni precedenti, ha visto la creazione di un sistema capace di controllare il processo di ossidazione, che è la fase fondamentale del ciclo di depurazione, prevedendo anticipatamente i fabbisogni delle attività dell’impianto. Questi, infatti, variano secondo la portata dell’acqua e della concentrazione di sostanze inquinanti organiche presenti nei reflui che si apprestano a essere depurati.

Positivi i risultati della fase sperimentale, avviata un paio di anni fa: nella linea in cui è presente questo sistema di controllo, il depuratore modenese, che ha la capacità di far fronte alle esigenze di 500.000 abitanti, ha fatto registrare una diminuzione di energia utile al processo di ossidazione pari al 10%, rispetto a quanto rilevato in situazione analoga con un sistema di controllo tradizionale.

L’acqua in uscita, circa 30 milioni di mc all’anno, viene immessa nel Canale Naviglio, presso cui sorge l’impianto, e in parte nei canali a sud di Modena (Cavo Argine, Fossa Monda, Minutara) per scorrere verso il Panaro. La sua migliore qualità si riflette, quindi, sulla qualità ambientale di tutto il territorio.

Si tratta quindi di un esempio di gestione intelligente di un impianto fondamentale alla vita di chi vi abita per garantire alla rete dei suoi canali un’acqua sempre migliore e per contenere i consumi dell’energia necessaria alla depurazione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/08/29 09:49:00 GMT+1 ultima modifica 2019-08-29T09:52:20+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina