Rimini, Comune e operatori al lavoro per una spiaggia "plastic-free"

Al vaglio misure per eliminare le cannucce e utilizzare solo bicchieri di plastica lavabile e riutilizzabile

La sostenibilità ambientale sposa la valorizzazione del prodotto turistico: è il senso dell’incontro avvenuto ieri tra Comune di Rimini, tecnici di Hera e alcuni operatori balneari, gestori di ristobar e albergatori, seduti intorno al tavolo per valutare quali azioni mettere in campo per rendere le spiagge riminesi sempre più libere dalla plastica. Una campagna di sensibilizzazione e di mobilitazione in linea con il ‘bando alla plastica’ lanciato a livello internazionale e che mira a promuovere una maggiore consapevolezza e conoscenza dei danni provocati dall’abbandono dei rifiuti plastici.

In questo primo incontro preliminare sono state discusse alcune possibili azioni da adottare per la prossima stagione estiva, per aumentare ulteriormente la quota di rifiuti differenziati e più in generale ridurre la quantità di rifiuti plastici prodotti in spiaggia.

Tra le proposte la progressiva eliminazione dei vari dispositivi in plastica monouso utilizzati dai bar di spiaggia per i clienti; l’idea è quella di evitare l’uso delle cannucce e soprattutto di sostituire i tradizionali bicchieri di plastica utilizzati in gran numero dai chiringuito e dai bar di spiaggia (in considerazione anche dell’impossibilità di utilizzare il vetro) con altri bicchieri, realizzati in plastica lavabile in lavastoviglie e quindi riutilizzabili.

 

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/02/21 13:00:00 GMT+1 ultima modifica 2019-02-21T10:23:13+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina