Parchi, foreste e Natura 2000

IT4050018 - SIC - Golena San Vitale e Golena del Lippo

Superficie: 69 ettari
Province e Comuni interessati: BOLOGNA (Bologna, Calderara di Reno, Castel Maggiore)

Il sito include l'Area di riequilibrio ecologico Golena San Vitale

Formulario

Formulario Natura 2000 del sito IT4050018 (pdf, 105.9 KB)

Note esplicative al formulario (pdf, 1.2 MB)

Enti gestori

Comune di Bologna

Comune di Calderara di Reno

Comune di Castel Maggiore

Regione Emilia-Romagna    

Strumenti di gestione

Misure Specifiche di Conservazione (pdf, 1.3 MB)

Misure Specifiche di Conservazione - Quadro conoscitivo (pdf, 3.8 MB)

Seleziona dal Riepilogo le Misure regolamentari del settore agricolo previste nel Sito e cartografate (visualizzabili in formato KMZ e scaricabili in formato SHP) 

Descrizione e caratteristiche

Salicaria (Lythrum salicaria), specie caratteristica dei fossi. Foto Stefano Mazzotti, Mostra e Catalogo Biodiversità in Emilia-Romagna 2003Il sito è localizzato nella periferia Nord della conurbazione bolognese e comprende un tratto di circa 2 km del fiume Reno, con le relative golene, che inizia circa 500 metri a Nord dell’Autostrada e si estende verso valle oltre il ponte della ferrovia fino ad una strada di cava che attraversa il fiume. All'interno dell'area direttamente sottoposta alle dinamiche idrauliche del corso d'acqua, ma delimitata sulle rive da arginature inerbite, è insediata un'estesa formazione boschiva igrofila dominata da Salice bianco e Pioppo bianco. Nella parte centrale della golena sinistra sono presenti depressioni circondate da vegetazione igrofila che si inondano in occasione di eventi meteorici e piene e che tendono poi a prosciugarsi gradualmente nei mesi estivi. Negli spazi golenali più esterni sono presenti prati stabili, raramente sottoposti a sfalcio, in parte interessati da interventi di rimboschimento. Il sito comprende l'Area di Riequilibrio Ecologico "Golena di San Vitale" (30 ha).

Habitat e specie di maggiore interesse

Habitat Natura 2000. 5 habitat di interesse comunitario coprono circa il 60% della superficie del sito con ambienti forestali, plaghe umide e relativi margini: acque stagnanti, da oligotrofe a mesotrofe, con vegetazione di Littorelletea uniflorae e/o degli Isoeto-Nanojuncetea, bordure planiziali, montane e alpine di megaforbie igrofile, foreste a galleria di Salix alba e Populus alba.
Recenti ricerche indicano la presenza anche dell’habitat di interesse comunitario fiumi con argini melmosi con vegetazione del Chenopodium rubri p.p. e Bidention p.p..
Specie vegetali. Nessuna specie di interesse comunitario. Sono presenti specie localizzate come Carex pendula, Carex remota, Euphorbia esula (comune nella fascia costiera, ma non nell’interno) e Arthemisia campestris (specie di terrazzi fluviali semiaridi).
Uccelli. Sono segnalate 4 specie di interesse comunitario, di cui una nidificante (Martin pescatore).
Anfibi. Nessuna specie di interesse comunitario. Degna di nota è la presenza di Raganella Hyla intermedia e Rospo smeraldino Bufo viridis.
Invertebrati. Il sito ospita una ricca entomofauna tra cui il Lepidottero Ropalocero Lycaena dispar, specie di interesse comunitario.

Per saperne di più

Unione Terre d'Acqua

Natura di pianura

Museo del Cielo e della Terra

Cartografia

Carta di dettaglio (pdf, 1.3 MB)

Inquadramento territoriale

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/12/02 09:40:00 GMT+1 ultima modifica 2018-03-05T15:37:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina