Valutazioni ambientali e promozione sviluppo sostenibile

Relazione Stato Ambiente

La Relazione sullo Stato dell’Ambiente è uno strumento funzionale alla promozione dello sviluppo sostenibile in Emilia-Romagna

La Relazione sullo Stato dell’Ambiente in Emilia-Romagna è uno strumento funzionale alla promozione dello sviluppo sostenibile del nostro territorio in quanto può consentire di evidenziare le problematiche ambientali, il loro andamento nel tempo e quindi rappresentare un punto di riferimento per condurre efficaci politiche ambientali, per orientare gli strumenti di pianificazione territoriale ed urbanistica ed i comportamenti dei soggetti sociali al fine di favorire la crescita economica nel rispetto dell'ambiente. Dal 2011 è l'Agenzia Regionale per la prevenzione, l´ambiente e datiambientali2016_cop.jpgl´energia (ARPAE) che si occupa di redigere annualmente il rapporto sulla qualità dell'ambiente in Emilia-Romagna.

La Relazione sullo Stato dell’Ambiente è uno strumento per permettere a tutti, cittadini, operatori sociali ed economici, amministratori e decisori politici, di rendersi conto dello stato di salute dalla regione, che ci aiuta a guardare responsabilmente il futuro. Sulla base di questa maggiore consapevolezza diviene più semplice mettere a fuoco le problematiche prioritarie e le azioni più efficaci e praticabili. E sarà possibile negli anni a venire, rendersi conto dei cambiamenti, monitorarne le tendenze e verificare effetti e efficacia delle azioni adottate.

La Relazione sullo Stato dell’Ambiente della regione è stata costituita riferendosi al modello di esperienze internazionali ormai consolidate.
La relazione sviluppa e presenta la sua analisi utilizzando i cosiddetti “indicatori ambientali”. Gli indicatori sono uno strumento per rappresentare in un modo sintetico i diversi problemi indagati, senza che vada perso nella sintesi il contenuto informativo dell’analisi. Il loro scopo è quello di rappresentare le tendenze, le relazioni cause
- effetto, l’efficacia delle politiche.

 Viene utilizzato il modello organizzativo delle informazioni ambientali  Determinanti/Pressioni/Stato/lmpatti/Risposte (DPSIR), analogo a quello adottato da alcuni enti nazionali ed europei, come l’istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA, ex, APAT) e l’Agenzia europea per l’Ambiente (AEA):

  • determinanti (o pressioni indirette): le cause generatrici primarie cd indirette degli stati ambientali, come il numero di abitanti presenti in un bacino; 
  •  pressioni (dirette): le attività che influenzano direttamente gli stati ambientali, come il volume di reflui scaricati in un fiume; 
  • stato: le condizioni ambientali, soprattutto quelle influenzate dalle attività antropiche, come la concentrazion.e d’inquinanti nelle acque di un fiume;
  • impatti: le variazioni del.le condizioni di stato ambientale, soprattutto per effetto delle attività antropiche, come la variazione nella concentrazione d’inquinanti presenti in un fiume prima e dopo u.no scarico); 
  • risposte: le attività antropiche per la soluzione dei problemi ambientali, come le misure di depurazione attuate per ridurre l’inquinamento di un fiume.

La Relazione sullo Stato dell’Ambiente in Emilia-Romagna ci consegna un quadro caratterizzato da luci ed ombre (che il lettore non faticherà a rintracciare), Ma soprattutto è un quadro che mette in evidenza, insieme alle molte cose fatte, le problematiche che necessitano di una concorde azione della società regionale per raggiungere una sempre migliore qualità dell’ambiente e la sostenibilità dello sviluppo.

Le pubblicazioni sulla qualità dell'ambiente sono consultabili al seguente indirizzo: https://www.arpae.it/report_ambientali_full.asp?idlivello=1563&tipo_elenco=rep_ambientale&idmateria=40

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/01/11 11:41:00 GMT+1 ultima modifica 2018-12-17T10:57:18+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina