Valutazioni ambientali e promozione sviluppo sostenibile

Valutazione di impatto ambientale (VIA)

Logo Vipsa

Le procedure in materia di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) mirano ad introdurre nella prassi amministrativa, a fare “interiorizzare” dall’amministrazione pubblica e dagli operatori privati la valutazione sistematica preventiva degli effetti che derivano dalle “azioni” delle amministrazioni pubbliche e dei soggetti privati sull’ambiente e sulle condizioni della vita.

Le procedure in materia di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) sono previste in attuazione delle Direttiva 85/337/CEE e 97/11/CE sulla "valutazione di impatto ambientale di determinati progetti". Tali norme europee prevedono l’obbligatorietà delle procedure di VIA per una serie di categorie progettuali, definite in base alle loro caratteristiche o in rapporto a determinate soglie dimensionali.

Nelle Direttive europee la procedura di VIA viene definita dettagliatamente e consiste, sinteticamente in:

  • redazione di uno Studio di Impatto Ambientale da parte del proponente;
  • consultazione delle autorità interessate e consultazione del “pubblico”;
  • valutazione conclusiva relativa alla ammissibilità degli effetti sull’ambiente e decisione finale, della quale fanno parte integrante tutti gli elementi raccolti nel corso della procedura istruttoria.

L’obiettivo è quello di eseguire, preliminarmente alla autorizzazione o alla approvazione di tali “azioni”, un opportuna valutazione del loro impatto sull’ambiente, in modo tale che le decisioni possano essere assunte sulla base di una adeguata informazione sui principali aspetti ambientali.

La VIA rafforza i tradizionali meccanismi di controllo tramite strumenti più specificamente preventivi, atti cioè ad integrare l’insieme delle considerazioni ambientali nelle decisioni degli operatori pubblici e privati.

La VIA consiste, infatti, nell’obbligo di raccogliere, grazie ad una cooperazione tra proponenti, amministrazioni pubbliche e cittadini, l’informazione più completa possibile sull’insieme dell’impatto ambientale di un intervento ed in quello di valutare l’importanza di tali impatti e di esaminare le possibili soluzioni alternative. Queste procedure vanno introdotte nel contesto più generale delle procedure di decisione e di autorizzazione.

La VIA è concepita, dunque, soprattutto come uno strumento di conoscenza e di informazione al servizio sia dei “decisori” privati sia dei centri pubblici di decisione. Il suo obiettivo è, da un lato, quello di rendere i privati più consapevoli degli interessi ambientali meritevoli di un’attenta considerazione nella realizzazione di un’opera o di un intervento. Dall’altro, il processo di valutazione mira ad informare le autorità competenti sugli effetti probabili di un intervento sull’ambiente prima che sia presa una decisione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/09/01 10:55:00 GMT+1 ultima modifica 2018-12-11T14:43:37+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina