mercoledì 19.12.2018
caricamento meteo
Sections

66,4 milioni per le aree rurali dell'Appennino e del Delta del Po

Al via i nuovi Gruppi di azione locale (Gal): le sei realtà pubblico-private finanzieranno iniziative “dal basso”

Ai nastri di partenza i nuovi Gal (Gruppi di azione locale) dell’Emilia-Romagna, società in partnership tra enti pubblici (Comuni e relative Unioni, Province, Camere di commercio, Parchi) e soggetti privati (organizzazioni economiche, Consorzi prodotti tipici e associazioni) per promuovere lo sviluppo economico, favorire l’incremento dell’occupazione e potenziare i servizi sociali nelle zone rurali marginali del territorio regionale, ovvero l’intera fascia appenninica da Piacenza alla Valconca e l’area del Delta del Po. Obiettivi da raggiungere potendo contare su 66,4 milioni di euro, il 5% delle risorse complessive assegnate dall’Unione europea alla Regione Emilia-Romagna per l’attuazione del Programma di sviluppo rurale (Psr) nel periodo 2014-2020. I nuovi Gal sono sei in tutto, uno in più rispetto al recente passato, il Gal Valli Marecchia e Conca.

“La prima sfida l’abbiamo già vinta – ha spiegato l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli. Siamo infatti la prima Regione d’Italia ad aver completato l’iter istruttorio per il decollo operativo dei nuovi soggetti che sono stati selezionati, con il supporto di un pool di esperti, non solo sulla base della qualità della strategia adottata, ma anche in ragione della solidità della compagine societaria. Adesso abbiamo un Gal in più e sei strategie che individuano chiaramente le azioni da portare avanti e i risultati che si vogliono ottenere. I Gal saranno veri e propri terminali locali del Psr, partner della Regione che mettono in pratica la propria strategia su obiettivi chiari e misurabili”.

I sei nuovi soggetti e le risorse assegnate
Oltre alla new entry rappresentata dal Gal Valli Marecchia e Conca, il più piccolo come superficie (comprende anche i sette comuni del Riminese che nel 2009 sono  passati  dalle Marche alla Regione Emilia-Romagna) e all’altra novità del Gal Ducato nei territori appenninici delle province di Parma e Piacenza, gli altri quattro raggruppamenti misti pubblico-privati sono realtà consolidate del panorama regionale che si presentano al via della nuova programmazione europea Leader con una compagine sociale in parte rinnovata. Per la precisione si tratta del Gal L’Altra Romagna, che abbraccia  parte del territorio delle province di Forlì-Cesena e Ravenna; del Gal Delta 2000 (Ferrara e Ravenna); del Gal dell’Appennino bolognese e del Gal Antico Frignano e Appennino Modenese (Reggio Emilia e Modena).

Avranno a disposizione complessivamente 66,4 milioni di euro di qui al 2020 per dare concreta attuazione ai Piani di azione messi a punto in una logica partecipativa “dal basso”, cioè con l’attivo coinvolgimento delle comunità locali. Dunque un budget più ricco rispetto ai 49,6 milioni del settennio precedente (2007-2013), risorse destinate al sostegno di progetti di sviluppo all’insegna della multisettorialità e che spaziano dal rafforzamento delle filiere produttive (agroalimentare, artigianato, energie rinnovabili) al turismo sostenibile, alla cura e tutela del paesaggio e della biodiversità, alla valorizzazione dei beni culturali e del patrimonio artistico, all’accessibilità ai servizi sociali.

Dei 66,4 milioni di euro 60 sono già stati messi a bando e ripartiti tra i Gal grazie a un meccanismo di valutazione basato su 64 indicatori, raggruppati in quattro distinti profili: caratteristiche del territorio, assetto societario, struttura organizzativa e qualità della strategia. La dotazione di partenza di ciascun Gal sarà la seguente: ai Gal Antico Frignano e Appennino Reggiano e Delta 2000 vanno circa 10,738 milioni di euro a testa; Gal L’Altra Romagna 9,838 milioni, Gal del Ducato 9,808 milioni, Gal Valli Marecchia e Valconca 9,525 milioni e Gal Appennino bolognese 9,351 milioni. I restanti 6,4 milioni sono stati accantonati e saranno distribuiti a metà del periodo di programmazione come premio aggiuntivo agli attori che hanno realizzato le migliori performance in termini di capacità di spesa e risultati ottenuti. “Nella distribuzione dei fondi – ha sottolineato l’assessore Caselli – abbiamo voluto premiare il merito delle proposte, assegnando maggiori finanziamenti alle realtà territoriali che più hanno colto la volontà di cambiamento e innovazione. L’obiettivo è di concentrare le risorse e indirizzarle su risultati tangibili e misurabili”.

I primi bandi nei prossimi mesi  
I nuovi Gal sono già operativi e sin dalle prossime settimane potranno presentare alla Regione i primi progetti. Una volta ottenuto il via libera dall’Unità tecnica Leader, l’apposito organismo di valutazione della Regione, il Gal interessato potrà emanare il bando, rivolto a enti pubblici o imprese private, curando tutto l’iter istruttorio fino all’approvazione della graduatoria definitiva. Non solo: per progetti specifici i Gal potranno stipulare convenzioni con soggetti istituzionali pubblici, ad esempio Parchi, università, Comuni, oppure attuarli con regia diretta. La Regione, da parte sua, avrà il compito di supervisionare il tutto, assicurando il buon andamento della cosiddetta strategia Leader.

Azioni sul documento
Pubblicato il 08/09/2016 — ultima modifica 08/09/2016
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it