mercoledì 20.09.2017
caricamento meteo
Sections

Alluvione 2015 nel piacentino, al via altri 22 cantieri

Interventi per 6 milioni di euro. In due anni in campo 31 milioni per 238 opere di messa in sicurezza del territorio

Messa in sicurezza del territorio, difesa idraulica, sistemazione di versanti e dei bacini fluviali. A due anni dall’alluvione che il 14 settembre 2015 ha colpito la provincia di Piacenza, prosegue l’impegno della Regione Emilia-Romagna che finora ha messo in campo 31 milioni di euro per 238 interventi.

Solo da inizio anno, sono stati programmati 68 cantieri per circa 8 milioni e mezzo di euro. Nelle prossime settimane ne partiranno 22 per la sistemazione dei corsi d'acqua, in particolare Trebbia e Nure, dal valore di 2 milioni e mezzo di euro.

 Saranno svolti "in compensazione", cioè l’appaltatore potrà utilizzare, a titolo di compenso, il materiale prelevato. Entro l’autunno, verrà inoltre appaltato un nuovo pacchetto di lavori per 3,5 milioni di euro: con 1 milione di euro si porterà a termine il consolidamento della frana dei Sassi Neri a Farini; 500 mila euro serviranno alla messa in sicurezza dell’abitato di Pecorara e si investiranno circa 2 milioni per 3 interventi lungo i 20 chilometri dell’intera asta fluviale del torrente Arda.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/09/2017 — ultima modifica 14/09/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it