sabato 21.10.2017
caricamento meteo
Sections

Alveari per monitorare lo smog: l’idea di una startup bolognese

Apicoltori professionisti controlleranno il miele prodotto per capire la qualità dell’aria, alla ricerca di metalli pesanti

Alveari per tenere monitorati i livelli di inquinamento. È stata lanciata a Bologna la nuova iniziativa, Bee-Kaeser, divenuta realtà grazie alla collaborazione tra la startup Beeing – una giovane impresa che ha fatto l’esperienza promossa dalla Regione Emilia-Romagna in Silicon Valley –, la multinazionale tedesca Kaeser compressori e l’azienda Lega Italy, una delle principali imprese del settore dell’apicoltura, con la collaborazione di docenti e ricercatori della facoltà di Agraria dell’Università di Bologna e Legambiente Emilia-Romagna.

Le arnie saranno posizionate in 20 sedi Kaeser in Italia, dal Trentino alla Sicilia. A Bologna, le arnie saranno installate nelle due sedi Kaeser e alle Serre dei Giardini Margherita. Le analisi sono affidate a Claudio Porrini, ricercatore del dipartimento di Scienze agrarie dell'università di Bologna. Per tutto il periodo estivo, saranno monitorate da apicoltori professionisti che raccoglieranno il miele da analizzare per capire la qualità dell’aria. In particolare, si cercheranno metalli pesanti come piombo, cromo, nichel e cadmio. Le api infatti, oltre a essere fondamentali per l’impollinazione (circa l’80% dei cibi che consumiamo esistono grazie a loro), sono anche dei bioindicatori naturali dell'inquinamento.

“Questa sinergia è un esempio virtuoso – ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi. Un progetto che assomma una serie di elementi di valore: la collaborazione tra una multinazionale e una startup di giovani che, tra l’altro, ha fatto l’esperienza promossa dalla Regione in Silicon Valley, l’importanza del progetto dal punto di vista ambientale. La green economy qui non è soltanto nel prodotto o nel processo industriale ma nella cultura produttiva. Non è possibile avere una visione strategica dell’economia senza pensare alle persone, all’ambiente e al territorio dove le imprese sono inserite. Sostenibilità, benessere e qualità della vita incidono inevitabilmente sulla crescita e la produttività dell’intero sistema”.

A ottobre si tireranno le fila di questo esperimento, sia dal punto di vista delle analisi sulla qualità dell’aria, sia sul miele prodotto. Una giuria di esperti, infatti, ne analizzerà la qualità e il gusto, stabilendo il vincitore.

Notizia ripresa dal sito E-R imprese: vai al link dell’articolo

Azioni sul documento
Pubblicato il 24/07/2017 — ultima modifica 20/07/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it