sabato 21.07.2018
caricamento meteo
Sections

Le nuove sfide dello sviluppo sostenibile, online il n. 5 di Ecoscienza

Il nuovo numero della rivista curata da Arpae Emilia-Romagna parla di rigenerazione urbana, siccità e anomalie meteo

È online il nuovo numero di Ecoscienza, la rivista di Arpae Emilia-Romagna. L'ultima edizione dedica un ampio servizio al 30° anniversario del rapporto “Our common future” del 1987, rapporto finale della Commissione delle Nazioni unite sull’ambiente e lo sviluppo presieduta da Gro Harlem Brundtland. A questo rapporto hanno fatto riferimento i documenti e le conferenze globali successivi, fino ad arrivare all’Agenda Onu 2030 e ai 17 Obiettivi per lo sviluppo sostenibile adottati nel 2015.


È nel rapporto Brundtland la definizione di sviluppo sostenibile più utilizzata e più citata: "Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfi i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri". A 30 anni di distanza possiamo dire che la “sostenibilità” è entrata nel nostro vocabolario, ma non che essa sia stata raggiunta. Sono necessarie nuove azioni concrete di tutti gli attori (governi, istituzioni, aziende, operatori finanziari, organizzazioni, associazioni, singoli cittadini) a tutti i livelli, per evitare che la sostenibilità rimanga solo uno slogan.

  

Rigenerazione urbana e resilienza, un nuovo paradigma per le città
L’emergenza climatica, l’attenzione all’uso di risorse ambientali sempre più scarse sul pianeta – tra cui il suolo – e l’irruzione di nuove tecnologie influenzano le dinamiche e la struttura delle aree urbanizzate. Si apre una fase meno orientata all’espansione dei centri abitati, a favore della rivisitazione del costruito e della progettazione condivisa di nuovi spazi “liberati”. Il futuro della città sembra oggi dipendere dalla
capacità di reinventare l’uso degli spazi e dei luoghi, considerando
e integrando interessi diversi, attraverso la rigenerazione urbana e la riqualificazione. 
La Regione Emilia-Romagna si appresta ad applicare una nuova legge urbanistica per ridurre il consumo di suolo e facilitare interventi di rigenerazione urbana. Non mancano esperienze di successo. 

 

Le anomalie meteo-climatiche nel 2017
Un lungo periodo caratterizzato da scarse precipitazioni, siccità persistente nel bacino del Po e caldo eccezionale, culminato i primi giorni di agosto con temperature di oltre 42°C nelle aree interne della pianura padana, hanno fatto del 2017 un anno davvero singolare sul piano meteo-climatico, e aumentano le probabilità che possa ripetersi. Per far fronte agli effetti del cambiamento climatico è urgente una strategia idrica nazionale all’insegna dell’economia circolare.

Tra gli altri argomenti trattati: Alessandro Bratti alla direzione di Ispra, l’avvicendamento alla direzione della rivista Ecoscienza: Giancarlo Naldi passa il testimone a Stefano Folli, il recupero di materia dai rifiuti, l’educazione alla sostenibilità e il ruolo del Sistema nazionale delle agenzie ambientali.

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/12/2017 — ultima modifica 21/12/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it