mercoledì 12.12.2018
caricamento meteo
Sections

Rifiuti Ferrara, aumentano i servizi per la raccolta differenziata

A disposizione 40 nuovi contenitori per oli alimentari esausti e abiti usati, che si aggiungono ai 23 già presenti

Sono stati posati, su tutto il territorio del comune di Ferrara, 40 nuovi contenitori per gli oli esausti, che si aggiungono ai 23 già presenti, e nei prossimi giorni troveranno alloggio in strada anche 211 nuovi contenitori di colore grigio scuro per gli abiti usati, per consentire la corretta separazione e la successiva valorizzazione di indumenti, borse e scarpe usati.

 

Come raccogliere gli abiti usati
I nuovi contenitori per gli abiti usati - di colore grigio scuro e dotati di un sistema di apertura anti-intrusione - saranno riconoscibili grazie alle immagini stilizzate di una t-shirt, di una scarpa e di una cravatta e da una personalizzazione nei toni del giallo e dell'arancio che ricorda la tipologia di rifiuti che è possibile conferirvi. Il fianco del contenitore indica anche la destinazione degli abiti raccolti, specificando che quelli riutilizzabili verranno sanificati e rivenduti come usato mentre i capi in cattivo stato verranno trattati in impianti appositi per il recupero dei tessuti. Nessun beneficio economico derivante dalla raccolta degli abiti usati sarà trattenuto da Hera, che metterà tutti gli utili derivanti da questa filiera a disposizione dell'Amministrazione comunale, che li utilizzerà per sostenere iniziative di carattere sociale.

 

Come raccogliere gli oli alimentari
I contenitori stradali collocati sono di nuova tipologia, rispetto ai precedenti, hanno una capacità di 240 litri e consentono di raccogliere agevolmente l'olio da recuperare aprendo uno sportellino. Infatti, l'olio non va versato direttamente ma deve essere conferito all'interno di normali bottiglie o flaconi in plastica, chiusi con il loro tappo. L'olio alimentare esausto può essere sempre conferito anche presso le stazioni ecologiche di Hera presenti sul territorio. Nel 2017 sono stati conferiti complessivamente dai cittadini ferraresi 38.845 kg di olio alimentare, di cui 11.601 nelle stazioni ecologiche e 27.244 nelle colonnine stradali già presenti.

 

Olio, un rifiuto altamente inquinante che diventa una risorsa
Lo scarto dei comuni oli vegetali da cucina costituisce un rifiuto con potere altamente inquinante, in particolare se smaltito attraverso gli scarichi domestici e la rete fognaria. 1 Kg. di olio vegetale esausto può distribuirsi fino a ricoprire una superficie di 1000 mq, inoltre la depurazione delle acque inquinate da olio richiede costi energetici di trattamento fino a 3kWh per ogni Kg di olio impropriamente smaltito, oltre ai costi medi per la manutenzione degli impianti di depurazione. Hera, una volta raccolti gli oli alimentari esausti, li avvia a recupero prevalentemente per la produzione di energia in impianti di cogenerazione oppure per la produzione di biodiesel.

 

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/10/2018 — ultima modifica 02/10/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it