mercoledì 17.10.2018
caricamento meteo
Sections

Parchi, foreste e Natura 2000

Legge per la protezione della flora spontanea

L.R. n. 2 del 1977 "Provvedimenti per la salvaguardia della flora regionale - istituzione di un fondo regionale per la conservazione della natura - disciplina della raccolta dei prodotti del sottobosco”

La Regione ha preso provvedimenti per la salvaguardia della flora spontanea istituendo un elenco di specie vegetali rare da tutelare sull'intero territorio regionale. Per queste specie è vietata la raccolta dell'intera pianta o di parte di essa, tranne il frutto; il divieto è esteso a tutti, incluso il proprietario del fondo, salvo si tratti di terreno coltivato.
È vietato anche estirpare e danneggiare gli organi ipogei (sotterranei) di tutte le piante appartenenti alla flora spontanea.
Sono inoltre considerati "prodotti del sottobosco" i tartufi, i muschi, le fragole, i lamponi, i mirtilli, le more di rovo e le bacche di ginepro. Di essi sono regolamentate le modalità di raccolta e le quantità massime giornaliere consentite.

L'elenco delle specie protette è riportato all'art. 4 della Legge e può essere integrato con decreto del Presidente della Giunta regionale, sentito il parere del Comitato consultivo regionale per l'ambiente naturale e della competente Commissione dell'Assemblea legislativa, come già è avvenuto nel 1989.

Schede delle specie protette:

Azioni sul documento
Pubblicato il 12/12/2011 — ultima modifica 14/04/2015
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it