lunedì 24.07.2017
caricamento meteo
Sections

Parchi, foreste e Natura 2000

Guardie Ecologiche Volontarie

Guardie Ecologiche Volontarie in azione - foto archivio Servizio ParchiLe Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) sono Guardie Giurate Particolari che nell'esercizio delle loro funzioni possono procedere all'accertamento di illeciti di natura amministrativa nell’ambito della legislazione sulla tutela dell’ambiente.

La nomina a Guardia Ecologica Volontaria è disposta dalla Regione Emilia-Romagna nei confronti di chi ha frequentato appositi corsi di formazione e superato la prova d’esame.

L’efficacia della nomina è subordinata all’approvazione del Prefetto (art. 138 del TU delle leggi di pubblica sicurezza n. 773/1931) e alla prestazione del giuramento.

L’atto di nomina definisce gli specifici compiti che ciascuna Guardia Ecologica Volontaria è chiamata ad espletare in relazione alle diverse normative ambientali. In particolare, l'atto di nomina definisce puntualmente, sulla base di direttive vincolanti emanate dalla Regione, le norme per la cui violazione sono previste sanzioni amministrative pecuniarie.

Ogni Guardia Ecologica Volontaria è munita di un tesserino di riconoscimento personale conforme al modello approvato dalla Giunta regionale. Nell’esercizio dei propri compiti la Guardia Ecologica è tenuta a qualificarsi mediante l’esibizione del tesserino.

I compiti delle GEV

I compiti delle Guardie Ecologiche Volontarie, definiti dalla L.R. 3 luglio 1989, n. 23 , sono:

  • promuovere e diffondere l’informazione in materia ambientale, con particolare riferimento alla legislazione relativa e concorrere alla protezione dell’ambiente;
  • accertare, nei limiti dell’incarico e nell'ambito della convenzione stipulata con la Regione Emilia-Romagna ed ARPAE, violazioni delle disposizioni di legge e dei regolamenti in materia di protezione del patrimonio naturale e dell’ambiente, nonchè dei provvedimenti istitutivi delle aree protette e dei relativi strumenti di pianificazione ed attuazione comportanti l’applicazione di sanzioni amministrative pecuniarie;
  • collaborare con gli enti od organismi pubblici competenti alla vigilanza in materia di inquinamento idrico, di smaltimento dei rifiuti, di escavazioni di materiali litoidi e di polizia idraulica, di protezione della fauna selvatica, di esercizio della caccia e della pesca, di tutela del patrimonio naturale e paesistico, di difesa dagli incendi boschivi e di polizia forestale, segnalando le infrazioni rilevate e precisando, ove possibile, le generalità del trasgressore; nello svolgimento di tali compiti operano secondo le direttive emanate dai predetti enti od organismi;
  • collaborare con le competenti autorità nelle opere di soccorso in caso di pubbliche calamità ed emergenze di carattere ecologico.

L'esercizio del potere di accertamento delle Guardie Ecologiche Volontarie è definito sulla base di direttive regionali vincolanti. In base alle attuali direttive le GEV esercitano attività di vigilanza in materia di :

  • flora spontanea protetta e raccolta dei prodotti del bosco e del sottobosco, con particolare riferimento alla raccolta dei funghi epigei ed ipogei;
  • aree protette e Rete Natura 2000;
  • fauna selvatica omeoterma ed esercizio dell'attività venatoria;
  • fauna ittica e regolazione della pesca;
  • fauna minore;
  • acque e spandimenti agronomici;
  • smaltimento dei rifiuti;
  • Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale e incendi boschivi;
  • alberi monumentali tutelati;
  • inquinamento luminoso;
  • ordinanze sindacali e  regolamenti di tutela dell'ambiente e del verde urbano ed extra-urbano.

BANCA DATI QUIZ

Saranno circa 500 i quiz a scelta multipla utilizzati negli esami di abilitazione a Guardia Ecologica Volontaria, suddivisi in base alle diverse materie:

  • Ruolo delle Guardie Ecologiche Volontarie
  • Aree protette e Rete Natura 2000
  • Flora protetta e prodotti del sottobosco
  • Funghi e tartufi
  • Prescrizioni di Massima e di Polizia Forestale e incendi boschivi
  • Vigilanza ittico e venatoria
  • Fauna
  • Inquinamento e rifiuti
  • Tutela delle acque, difesa del suolo, geologia e protezione civile
  • Cartografia, orientamento, ecologia, educazione ambientale


La banca dati è momentaneamente non in linea in quanto è in fase di prima revisione.
Sarà di nuovo disponibile a partire da venerdì 11 settembre 2017.

 

RAGGRUPPAMENTI GEV NELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Le GEV sono organizzate in uno o più raggruppamenti provinciali dotati di propri statuti e di regolamenti di servizio, questi ultimi approvati all’Autorità di pubblica sicurezza.

Agiscono in convenzione con enti ed organismi pubblici competenti in materia di tutela ambientale.

Al 31 dicembre 2016 in Emilia-Romagna operano 1.165 GEV associate in 16 Raggruppamenti provinciali. La maggior parte dei raggruppamenti provinciali sono associati in un coordinamento regionale, Federgev Emilia-Romagna.

 

LE NORME E GLI ATTI IN VIGORE
UN PO' DI DATI STATISTICI...
Azioni sul documento
Pubblicato il 27/03/2012 — ultima modifica 18/07/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it