domenica 27.05.2018
caricamento meteo
Sections

Birdwatching: a Comacchio la Fiera per gli appassionati di avifauna

Dal 28 aprile al 1° maggio: l’occasione per provare attrezzature specialistiche e visitare il Parco regionale del Delta del Po.

Sono attese migliaia di persone, anche dall’estero, per la IX edizione della Fiera del birdwatching, la più importante del settore in Italia e seconda in Europa solo alla londinese British Birdwatching Fair di Londra. Si svolgerà dal 28 aprile al 1° maggio a Comacchio, che nel 2015 è stata incoronata dalla Lipu “città del birdwatching”. L’esposizione, che rientra nel cartellone Primavera Slow nel Parco del Delta del Po (in corso dal 17 marzo al 24 giugno), è organizzata dal gruppo di azione locale Delta 2000 con il patrocinio dei ministeri dell’Ambiente e della Cultura ed è promossa, tra gli altri, dalla Regione Emilia-Romagna.

 

Cento espositori troveranno spazio nel villaggio da 5.000 mq allestito nella città lagunare in provincia di Ferrara. La fiera è aperta gratuitamente e si rivolge sia agli appassionati che a “tantissime famiglie che desiderano in voloscoprire questo angolo incontaminato”, all’interno di un territorio che si sta affermando come destinazione turistica. Il padiglione Fotografia e birdwatching presenta le “migliori proposte di aziende leader” in settori quali ottica, fotografia, strumentazioni ed equipaggiamenti di supporto per praticare birdwatching e fotografia naturalistica e abbigliamento sportivo. Nel padiglione Slowtourism e natura trovano invece spazio associazioni, enti e istituzioni che si occupano di didattica e di educazione ambientale, tour operator specializzati in destinazioni naturalistiche e turismo all’aria aperta, rappresentanti di parchi e riserve italiane e straniere e delle aree riconosciute riserve di biosfera dall’Unesco.

 

 

Il programma della Fiera

La cerimonia di inaugurazione è fissata per le ore 12.30 di sabato 28 aprile. Caso unico in Italia, i visitatori potranno sperimentare le attrezzature proposte per la fotografia e il birdwatching, osservando l’avifauna in postazioni allestite sulla Valle Fattibello, a ridosso del centro storico di Comacchio, e della Salina. Fra gli eventi in programma sono previsti escursioni guidate in bicicletta e in barca, laboratori di fotografi e birdwatcher esperti, convegni e mostre, laboratori didattici per bambini a cura di Lipu e altre associazioni e di Cadf spa, l’azienda che gestisce il ciclo idrico integrato del Comune di Comacchio.

postazione birdwatching

Tra le mostre, si conferma quella legata al Fotofestival Aferico, uno dei più importanti concorsi di fotografia naturalistica, giunto alla sua XII edizione, organizzato dalla rivista omonima; e quella dell’ultima edizione dell’Oasis Photo Contest.

Diversi gli appuntamenti di riflessione su temi ambientali e turistici, fra cui sabato 28 aprile il convegno “Il Brand Delta del Po nella Destinazione Romagna”, durante il quale sarà presentato il Piano strategico di marketing per il Delta del Po; e domenica 29 aprile l’assemblea annuale dei soci Lipu. Lunedì 30 aprile è previsto un incontro “sull’importanza per il territorio di essere Riserva MaB Unesco”, organizzato dall’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità – Delta del Po e dal Comune di Comacchio, dal titolo “Quando la storia diventa MaB – Il fascino sostenibile della natura”. Lo stesso giorno ci sarà un incontro con le scuole che partecipano al progetto “Paesaggio e biodiversità – percorsi di educazione ambientale”, finanziato all’interno del Piano di sviluppo rurale della Regione Emilia-Romagna 2014-2020 e realizzato dall’Ente di gestione per i parchi e la biodiversità – Delta del Po. Ai ragazzi si rivolge anche l’evento organizzato da Lipu “Giovani birders contro il nichilismo. Il volontariato giovanile e l’impegno per la natura”, un confronto tra i volontari della Lega italiana protezione uccelli e varie associazioni giovanili, tra le quali l’Associazione My Delta, nata grazie al Forum giovani MaB Unesco.

 

laguna2Visite culturali nel territorio

Nel periodo di apertura della Fiera, dal 28 aprile all’1 maggio, sarà possibile partecipare a numerose visite ed escursioni a piedi, in bicicletta e in barca a Comacchio e nei territori vicini. Tra le visite culturali, si chiama Comacchio, la piccola Venezia la passeggiata di due ore per conoscere la città lagunare. A Codigoro, in provincia di Ferrara, sono in programma La meravigliosa Abbazia di Pomposa e la Visita al campanile di Pomposa, l’abbazia del IX secolo, una delle più importanti del Nord Italia. Si può inoltre trascorrere Mezza giornata alla scoperta di Ravenna, che si apre anche ai più piccoli con un itinerario speciale per fargli scoprire i suoi mosaici, Ravenna Kids, o Ravenna in un giorno, per chi sia alla sua prima visita della città.

 

Il birdwatching

Le persone che per passione si muovono sul territorio per osservare la vita di particolari specie di uccelli, il loro piumaggio, il loro comportamento, le loro abitudini migratorie e per ascoltarne il canto trovano nel Parco del Delta del Po itinerari e percorsi predisposti con punti di osservazione, grazie ai quali possono agire senza disturbare l’avifauna. Sul sito Appennino e verde della Regione Emilia-Romagna ci sono tante informazioni utili per chi si avvicina al birdwatching, che si piò praticare tutto l’anno anche in zone abitate per osservare sia uccelli stanziali che uccelli migratori o di passaggio. Si consiglia di vestirsi in modo comodo e “non troppo appariscente rispetto all’ambiente circostante”. Il birdwatcher usa un binocolo con capacità di ingrandimento almeno 7x o un cannocchiale montato su cavalletto. Per non insospettire gli uccelli, si può costruire un capanno “con un semplice telo mimetico da portare come un mantello che copra la testa e lasci solo un’apertura per il binocolo o il teleobiettivo”. È consigliata una guida per riconoscere le specie avvistate. Per chi, oltre a osservare, vuole anche fotografare, si suggerisce di dotarsi di treppiedi e usare obiettivi molto potenti e luminosi e “corpi macchina di tipo reflex abbinati ad ottiche di lunghezza focale non inferiore a 300 o 400 mm (per la 35mm)”, meglio se stabilizzate e autofocus.

 

Il Parco del Delta del Po

Dal 2015 il Parco del Delta del Po è riserva della biosfera all’interno del programma MaB (Man and Biosphere) Unesco, con il quale si riconoscono aree di ecosistemi terrestri, costieri e marini in cui, attraverso un’appropriata gestione del territorio,in volo 2 si associa la conservazione dell’ecosistema e della sua biodiversità con l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali a beneficio delle comunità locali. L’area MaB del Delta del Po si estende tra Veneto ed Emilia-Romagna e ha una superficie complessiva di circa 138.000 ettari, il 30% dei quali nella nostra regione. Il riconoscimento come riserva della biosfera è il tassello che mancava al Delta del Po, un territorio dove spiccano le eccellenze dei siti Unesco di Venezia con le sue lagune, di Ferrara e le sue zone deltizie, di Ravenna e i suoi monumenti paleocristiani. Dal punto di vista avifaunistico, fra i molti uccelli, nidificatori o migratori di passaggio, che si possono osservare nel Parco, ci sono diverse specie di aironi, in particolare l’airone cinerino e l’airone bianco maggiore, anatre, cavalieri d’Italia, la cicogna bianca, il beccaccino, la garzetta, il germano reale, la nitticora, il tarabusino.

 

Link:

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/04/2018 — ultima modifica 19/04/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it