sabato 17.11.2018
caricamento meteo
Sections

Difesa del suolo, servizi tecnici e autorità di bacino

Servizio Area Affluenti Po - Terminati i lavori nel torrente Arda dalla diga di Mignano a Castell’Arquato

Importanti opere di consolidamento e di difesa idraulica nel territorio Piacentino

Alla fine di maggio   sono stati ultimati i lavori lungo il torrente Arda nel tratto  a valle della diga di Mignano, di fronte allo stabilimento Unicem, in comune di Vernasca fino al Ponte in Comune di Lugagnano. Si tratta di un intervento, attuato dal Servizio Area Affluenti Po dell’Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione Civile, per un importo di 500.000 euro finanziato  con il  Terzo Atto integrativo all’Accordo di Programma tra il Ministero dell’Ambiente e della tutela del Territorio e del Mare (Ministero) e la Regione Emilia-Romagna che ha incluso  diversi interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico.

Le opere realizzate consistono  principalmente nella rimozione di detrattori ambientali, nella ricostruzione e nella manutenzione di opere di difesa spondale danneggiate o distrutte nel tratto del Torrente Arda compreso tra la Diga di Mignano e l’opera di derivazione del consorzio di bonifica posta in Comune di Castell’Arquato.

L’area su cui si è intervenuti si trova nei Comuni di Vernasca, Lugagnano e Castell’Arquato, nel bacino imbrifero del Torrente Arda, e più precisamente è situata a valle della diga di Mignano, nei pressi della località Cà Vincini, dove il torrente corre parallelamente alla strada provinciale della val d’Arda che conduce da Lugagnano a Morfasso, e in sponda destra e sinistra, in Comune di Lugagnano a monte del ponte della strada Provinciale  ed in Comune di Castell’Arquato.

Il dissesto che era stato riscontrato in questo tratto del torrente era stato causato prevalentemente dall’azione erosiva delle acque che aveva inciso profondamente l’alveo provocando lo scalzamento e la progressiva distruzione delle opere di regimazione preesistenti.

Pertanto, al fine di ridurre tali fenomeni, sono state eseguite opere  di consolidamento delle sponde tramite la costruzione di repellenti di muratura in gabbioni, alla contestuale riprofilatura e risezionatura dell’alveo del torrente ed alla ricostruzione della linea di sponda, consolidata anche con difese spondali in massi.

Sono inoltre state realizzate  opere di mitigazione dell’impatto ambientale, quali semine di rinverdimento e posa di talee.

La progettazione e la direzione lavori è stata eseguita dei tecnici della sede di Piacenza del Servizio Area Affluenti Po,  dott. Paolo Tomasi,  p.a. Frassinetti Camilla e geom. Bergonti Elisabetta.

L’impresa esecutrice  dei lavori è l’impresa Malacalza di Bobbio (PC).

 

Il comunicato stampa dell’Assessore Paola Gazzolo:

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 14/06/2018 — ultima modifica 14/06/2018
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it