La Regione per il G20: intervista al Prof Fabio Fava, biodiversità e economia sostenibile

Sono con professor Fabio Fava, professore ordinario di biotecnologie industriali presso la scuola di ingegneria dell'Università di Bologna

è il rappresentante italiano di diversi gruppi della Commissione europea ra i quali il Comitato di Bioeconomy di Horizon2020

è anche il Delegato del Rettore dell'Università di Bologna per la Ricerca industriale, la Cooperazione territoriale e l'Innovazione.

Professore, la proposta italiana per il G20 Ambiente è molto ambiziosa. si svilupperà su tre macro aree

“biodiversità e capitale naturale”, “economia circolare, produzione e consumo sostenibile” e “finanza sostenibile”.

Tutti temi che ha approfondito anche lei nel corso delle sue attività di ricerca e del suo impegno istituzionale

anche a fianco della Regione Emilia-Romagna

Ma come sono stati affrontati questi argomenti nei gruppi di lavoro per il G20 ?

Grazie. buon pomeriggio a tutti voi.

E' stato fatto un eccellente lavoro di condivisione

non semplice perché appunto sono 20 paesi molto diversi tra loro,

con geografie e necessità molto molto diverse,

per cui c'è stata molta discussione, molte riunioni di approfondimento, molta attenzione alle specificità.

e una convergenza molto interessante sui temi che ha anticipato.

Le priorità sono ridurre la pressione sull'ambiente

ridurre la CO2 che nello stesso immettiamo

e questo facendo attenzione a un utilizzo delle materie prime

un utilizzo più attento

più efficiente ma sempre più attento alle materie prime rinnovabili.

naturalmente una maggior attenzione alla circolarità, all'economia circolare applicata nei contesti industriali

ma anche nelle città.

Maggior attenzione alla riduzione degli inquinanti chimici

ma non solo quelli tradizionali dell'industria chimica,

ma anche antibiotici come molecole chimiche impiegate in agricoltura.

Soprattutto rigenerazione della biodiversità degli ecosistemi

del patrimonio naturale.

e un utilizzo sapiente dello stesso, una valorizzazione attenta efficace

per  fare cibo, per fare materiali combustibili

una grande attenzione alla rigenerazione dell'ambiente

perché questo significa anche, a detta di molti esperti, una protezione maggiore

rispetto. a fenomeni come le pandemie, come quella che abbiamo attraversato.

una grandissima attenzione alle risorse suolo, mare, acqua che sono sempre

che sono sempre più a rischio di contaminazione o degradazione.

Una grandissima attenzione al patrimonio naturale che è al centro di un Pianeta più in salute.

Queste occasioni, il G20, ma anche il T20 ai cui tavoli di lavoro lei partecipa,

che ruolo hanno e come possono aiutare i territori

a sviluppare migliori politiche per l’Ambiente ?

I T20 sono aperti a contributi che possono venire da referenti dei territori

per esempio l'Emilia-Romagna ha partecipato a diversi T20

uno dei quali è ... Forum al quale abbiamo portato i nostri bisogni sul fronte

dell'industria alimentare sostenibile post covid.

sono opportunità in cui possiamo portare le nostre specificità

e poi quello che servirebbe e trasferire sui territori quello che emerge

da questi lunghi percorsi di condivisione.

soprattutto da quelli G20 che avvengono spesso in contesti confinati.

Trasferire sui territori i messaggi che vengono messi a punto da questi attori di diversa provenienza

ministeriali di alto livello che rappresentano 20 paesi

quindi veramente mette insieme le strategie migliori

sarebbe appunto da valorizzare di più sui territori

questo potrebbe essi di grande aiuto

per essere più attenti

tenere conto delle sensibilità di tanti.

Professore la ringraziamo moltissimo, la lasciamo ai suoi tavoli

ne ha tanti da gestire,

quindi tanti contributi da dare, da offrire.

Grazie a voi, arrivederci.

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/08/03 17:51:00 GMT+2 ultima modifica 2021-08-03T17:52:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina