Venerdì 1 marzo torna "M'illumino di meno" 2019

L’economia circolare al centro della giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili

Pochi giorni ci separano da “M'illumino di Meno”, l'iniziativa firmata dalla storica trasmissione radiofonica Caterpillar, in programmazione su Rai Radio2.

E' l'economia circolare il tema centrale della quindicesima edizione: si chiede agli ascoltatori un gesto simbolico, spegnere tutte le luci che non sono indispensabili. Uno spegnimento dietro il quale si cela un’azione concreta: fare del bene al pianeta e ai suoi abitanti.

Ed ecco che la sensibilizzazione di Caterpillar e Rai Radio2 ci ricorda i gesti chiave per salvaguardare la nostra terra: il riuso dei materiali, ridurre sprechi, allungare la vita delle cose. “Perché – sottolineano gli organizzatori - le risorse finiscono, ma tutto si rigenera: bottiglie dell'acqua minerale che diventano maglioni, carta dei giornali che ritorna carta dei giornali, una cornetta del telefono diventa una lampada, fanghi che diventano biogas. Dall'inizio di M'illumino di Meno, in 15 anni, il mondo è cambiato”.

Al di là delle iniziative nelle ‘piazze italiane’ che suscitano un grande impatto emotivo, come ad esempio la Torre di Pisa, il Colosseo, l'Arena di Verona, il Quirinale, il Senato e la Camera, anche all’estero hanno strizzato l’occhio agli amici di Caterpillar: ricordiamo la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna.

In Emilia-Romagna sono diverse le iniziative in cantiere anche grazie all’apporto diretto dei nostri Ceas, pronti a consacrare il momento simbolo, lo spegnimento delle luci fissato nel tardo pomeriggio di venerdì 1° marzo. Tra i numerosi appuntamenti anche quello dedicato al progetto “Le tue scarpe al centro”, che vedrà la chiusura del cerchio sabato 2 marzo con la donazione ufficiale della pavimentazione antitrauma al Comune marchigiano di Amandola.

Diverse le manifestazioni organizzate l’1 e 2 marzo ad Alfonsine, Castelfranco Emilia, Castellarano, Cervia, Conselice, Cotignola, Bagnacavallo, Bagnara, Ferrara, Fusignano, Lugo, Massa Lombarda, Marzaglia Nuova, Nonantola, Piacenza, Ravenna, Sant’Agata sul Santerno, Sant'Ilario d'Enza e Scandiano.

L’economia circolare è regolata per legge e definisce un sistema economico pensato per potersi rigenerare da solo e quindi qualsiasi iniziativa di ri-uso, ri-creare, ri-ciciclare, ri-utilizzare, ri-qualificare, fanno bene a noi e all’ambiente.

 

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/02/27 10:29:00 GMT+2 ultima modifica 2019-02-28T12:50:45+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina