Laminam, incontri a Borgotaro (Pr) per illustrare le analisi condotte sulla qualità dell'aria

Sul sito del Comune le nuove modalità per le segnalazioni. L'assessore Gazzolo: “Partecipazione e informazione sono il metodo scelto dal Tavolo di Garanzia"

L’incontro con i lavoratori della ditta Laminam, riuniti in un’apposita assemblea sindacale, e con i genitori della scuola “Manara”, il plesso educativo dove nei mesi scorsi si sono concentrate le indagini ambientali e sanitarie. E ancora: un momento di confronto con le associazioni ambientaliste - il Comitato “L’aria del borgo” e Legambiente - e con i rappresentanti delle categorie economiche del territorio.

Per tutta la giornata di venerdì 18 gennaio, l’assessore regionale all'Ambiente, Paola Gazzolo, ha preso parte a una serie di appuntamenti promossi dal Tavolo di garanzia per la qualità dell'aria di Borgotaro, nel parmense, con tutti i portatori di interesse del territorio per presentare il lavoro compiuto a fronte delle segnalazioni di fastidi legati agli odori e sintomi di tipo sanitario provenienti dalla popolazione.

Tra le novità presentate, il nuovo sistema di segnalazione dei disagi olfattivi percepiti dalla popolazione che possono essere comunicati on line, con un procedimento guidato già attivo sul sito del Comune di Borgotaro, per assicurarne la massima leggibilità, completezza e georeferenzialità.

“Partecipazione e massima informazione sono il metodo scelto dal Tavolo di Garanzia per dare conto del lavoro svolto e di quello in corso- spiega Gazzolo-. Gli incontri hanno rappresentato un'ulteriore e importante occasione per ascoltare le istanze del territorio e illustrare tutta l’attività finora messa in campo, con il supporto delle più elevate professionalità scientifiche, per dare risposte concrete alle segnalazioni e alle preoccupazioni dei cittadini”.

In particolare, a dicembre si sono concluse le rilevazioni e le misure ambientali condotte dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr). Continuerà invece fino a settembre il monitoraggio condotto con misurazioni a settimane alterne da parte dell’Istituto superiore di sanità, in collaborazione con Arpae e Azienda Usl.

“Entro il mese di marzo, l'esito degli approfondimenti già disponibili sarà rendicontato a tutta la popolazione- conclude Gazzolo-. L'obiettivo è analizzare a fondo la situazione e comprenderla perché non si possono ammettere dubbi quando si parla della tutela della salute e dell'ambiente e del lavoro. È questa la chiave per rafforzare il rapporto di fiducia dei cittadini con le Istituzioni e per rinsaldare la coesione sociale”.

 

Il lavoro del Comitato Tecnico Scientifico 

Il Tavolo di Garanzia per la qualità dell’aria di Borgotaro si avvale di un Comitato tecnico-scientifico composto da referenti di alto profilo scientifico ed è supportato dal Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr) e dall’Istituto Superiore di Sanità (Iss). Il suo fine è lo svolgimento di approfondimenti ulteriori – rispetto alle indagini già svolte da Azienda Usl e Arpae – concentrandosi in particolare su due filoni di studio: ambiente e salute.

A cura del Consiglio Nazionale per le Ricerche (Cnr), da ottobre a dicembre scorsi si sono svolte misure ambientali sia l’interno dello stabilimento Laminam sia in tre postazioni esterne all’impianto: località Le Spiagge, la scuola “Manara” e via Malta. I risultati saranno valutati anche alla luce della circolazione dei venti e dei dati meteo resi disponibili dall’apposita centralina di rilevazione presente presso lo stabilimento produttivo, la cui affidabilità è riconosciuta dall’intero Tavolo di garanzia.

Proseguirà inoltre fino al prossimo settembre il monitoraggio condotto con misurazioni a settimane alterne da parte dell’Istituto superiore di sanità, in collaborazione con Arpae e Azienda Usl. L’obiettivo è far luce sulla eventuale presenza, concentrazione e diffusione di fattori inquinanti sul territorio, valutando l’esposizione della popolazione e le cause delle emissioni.

 

Per approfondire:

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina