La verità sul biologico e sulla sostenibilità: il CCPB al "Sana 2019"

L'organismo di controllo e certificazione organizza tre convegni per discutere di un settore più che mai in crescita in questi anni. Appuntamento a Bologna dal 6 al 9 settembre

In occasione del "Sana 2019", il salone internazionale del biologico in programma dal 6 al 9 settembre a Bologna, CCPB, organismo di controllo e certificazione, organizza tre convegni per discutere delle opportunità del settore, più che mai in crescita in questi anni. Insieme ad aziende, esperti e professionisti, CCPB affronterà i temi legati alla sostenibilità ambientale e all’importanza dei controlli in campo alimentare e non.

  

La certificazione del bio

Osservatorio SANA presenterà i numeri che confermano la crescita dei consumi, delle aziende e delle superfici del biologico italiano. In questo scenario CCPB propone una serie di convegni che affronteranno diversi temi, dal biologico come cibo del futuro alle nuove tecniche agricole sostenibili, fino alla cosmesi biologica e naturale, con uno sguardo a 360 gradi sull’andamento e le più recenti innovazioni del settore e un’attenzione precisa sull’informazione chiara e di qualità, più che mai fondamentale su argomenti d’interesse collettivo facilmente soggetti a interpretazioni fuorvianti.

 

Programma convegni

Per questa edizione del SANA, CCPB sarà presente sia nell’area food (padiglione pad. 29/ stand D52), che nell’area cosmesi e benessere (padiglione 25, stand a65/b66).

 

La sostenibilità agroalimentare tra scienza e fake news. Se ne discuterà con Orogel, Granarolo, Life Cycle Engineering, Skretting e ricercatori e professori dell’Università di Bologna e del CREA.

 

Nell’ottica di un crescente impegno per la sostenibilità, l’agricoltura biologica, quella di precisione, l’uso dei DSS (Sistema di Supporto alle Decisioni), e l’attenzione alla biodiversità possono offrire alle aziende risultati notevoli. L’approccio deve essere multidisciplinare in quanto nessuno degli strumenti proposti è da solo sufficiente ad affrontare problematiche tecnico-produttive e a garantire la sostenibilità del processo. L’efficiente utilizzo dei mezzi tecnici e il rispetto per le varie forme di vita che contribuiscono all’equilibrio biologico dell’ambiente coltivato rappresentano le basi per un’agricoltura effettivamente sostenibile.

 

Il primo passo per ragionare sulla sostenibilità di un settore produttivo è pensare al sistema in tutte le sue fasi e nella sua complessità. In una sola parola, ragionare sulla filiera. Dalle materie prime fino al prodotto finito sullo scaffale di un negozio, o nella gallery di un sito di e-commerce, sono numerosi e importanti i passaggi: trasformazione e lavorazione, formulazione, packaging e confezionamento, promozione e comunicazione.

 

Cosa fa CCPB

CCPB è un organismo di certificazione e controllo dei prodotti agroalimentari e “no food” ottenuti nel settore delle produzione biologica, eco-compatibile ed eco-sostenibile. Le aziende certificate da CCPB sono circa 13.000, di cui oltre 11.500 nel settore biologico, e fanno riferimento ad affermati gruppi agroalimentari, al comparto della grande distribuzione, a piccole e medie imprese del settore agricolo ed alimentare e a diverse società emergenti.

Ulteriori informazioni, foto e aggiornamenti in tempo reale si possono trovare sui profili social Facebook e Twitter di CCPB.

 

Per approfondire:

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/03 15:44:00 GMT+2 ultima modifica 2019-09-03T15:57:08+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina