Alberi monumentali: contributo per gli interventi conservativi e di salvaguardia degli esemplari arborei tutelati

Pubblicato l’avviso pubblico per le richieste di finanziamento sugli alberi monumentali ai sensi della L.R. n. 2/1977 relativi all’annualità 2021

E’ stato pubblicato l’avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo per gli interventi conservativi e di salvaguardia degli esemplari arborei tutelati ai sensi della L.R. n. 2/1977 relativi all'annualità 2021 redatto sulla base dei criteri e delle procedure approvate con la deliberazione della Giunta regionale n. 774/2020 (pdf, 296.75 KB).

Sono oggetto di finanziamento gli interventi sugli esemplari arborei tutelati ai sensi dell’art. 6 della L.R. n. 2/1977, compresi, tra questi, quelli successivamente riconosciuti come Alberi Monumentali d’Italia (AMI) ai sensi della Legge n. 10/2013.

Nello specifico, sono ritenuti ammissibili gli interventi di mantenimento delle condizioni di salute dell’albero, di miglioramento della funzionalità fisiologica, di tutela della zona di protezione, nonché gli interventi finalizzati alla tutela della pubblica incolumità.

L’avviso si rivolge ai soggetti pubblici e privati cui è affidata la tutela, così come individuati dal decreto del Presidente della Giunta regionale, ai sensi dell’art. 6 della stessa L.R. n. 2/1977.

La scadenza per la presentazione delle richieste di finanziamento è fissata al 30 settembre 2020 - entro le ore 13.00 - pena la decadenza della richiesta.

Le richieste di finanziamento pervenute saranno esaminate ai fini dell’ammissibilità da un Nucleo di Valutazione composto da due membri interni dell’IBACN e da un membro del Servizio Aree Protette, Foreste e Sviluppo della montagna della Regione Emilia-Romagna. Gli interventi saranno finanziati al 100% in base alla graduatoria, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Gli esiti dei lavori del nucleo relativi all'individuazione delle domande ammissibili saranno approvati entro il 31 dicembre 2020.

I beneficiari ammessi al finanziamento avranno tempo fino al 31 dicembre 2021 per effettuare i lavori e dovranno consegnare la documentazione relativa alla rendicontazione dei lavori entro il 31 gennaio 2022, pena la decadenza del contributo concesso. Si precisa che non potranno essere liquidati i costi relativi agli interventi che risultassero diversi da quelli valutati dal Servizio Fitosanitario Regionale o non conformi al parere rilasciato dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (MIPAAF).

Accedi all'avviso pubblico (pdf, 185.93 KB)

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/08/04 13:31:00 GMT+2 ultima modifica 2020-08-10T10:55:40+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina