Le risorse idriche del sistema montano, nuovo report e tre casi studio

Al centro gli ecosistemi in relazione alla risorsa acqua e agli effetti del cambiamento climatico

L'insieme dei benefici forniti dagli ecosistemi al genere umano vengono definiti come Servizi Ecosistemici (SE). Il progetto di ricerca Millenium Ecosystem Assessment (MSE) lanciato nel 2001 con il sostegno delle Nazioni Unite, ha cercato di identificare i cambiamenti subiti dagli ecosistemi a opera dell’uomo e ha provato a sviluppare scenari per il futuro, evidenziando che le conseguenze della degradazione sugli ecosistemi aumenteranno in maniera significativa nei prossimi anni. Sono ora disponibili online un nuovo report e tre casi di studio sul tema delle risorse idriche del sistema montano.  

Le acque del settore montano contribuiscono a fornire servizi ecosistemici, come identificati dal MSE, in quanto influiscono su:

  • approvvigionamento (es. attraverso le sorgenti captate),
  • sostegno alla biodiversità e creazione di habitat naturali (es. attraverso le sorgenti libere o con depositi di travertino)
  • regolazione (mantenimento delle zone umide e del deflusso di magra dei corsi d’acqua);

Inoltre le acque possono collocarsi in contesti di valore culturale, storico e paesaggistico, dove la loro presenza ha contribuito alla frequentazione secolare dei luoghi.

Fanno parte delle politiche regionali obiettivi quali la conoscenza e l’uso sostenibile delle risorse naturali, oltre che il miglioramento delle conoscenze sugli ecosistemi ed i servizi ecosistemici, considerati anche come opportunità di valorizzazione delle aree cosiddette marginali, tra cui quelle montane.

Il tema rientra anche nei contenuti della L.R. n. 24 del 21 dicembre 2017, che disciplina in ambito regionale la tutela e l'uso del territorio. Considerando il legame con quadri conoscitivi degli strumenti di pianificazione territoriale, all’individuazione dei servizi ecosistemici possono contribuire anche i dati disponibili presso il Servizio Geologico, Sismico e dei Suoli della Regione, nell’ambito di collaborazioni con i competenti Servizi regionali e gli Enti coinvolti.

Il Servizio Geologico sismico e dei suoli con il report "Risorse idriche, settore montano. Cartografie per l’individuazione dei Servizi Ecosistemici" descrive le esperienze in corso e le elaborazioni svolte riferite a tre casi di studio, nell'ambito di collaborazioni con Enti.

Vengono descritti tre casi di studio anche in relazione alla risorsa acqua e agli effetti del cambiamento climatico. Il primoè riferito a un'area naturale protetta, Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano. Il secondo riguarda l'Appennino bolognese e in particolare la funzione di approvvigionamento idropotabile relativamente a sorgenti e acquiferi. Il terzo riguarda la montagna parmense occidentale dove sono stati fatti approfondimenti quantitativi relativi a sorgenti di interesse per l’approvvigionamento idropotabile.

 

Per approfondire:

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina