Parchi. La Regione sceglie l'ambiente e stanzia 3,6 milioni di euro per progetti di tutela e valorizzazione

Destinatari gli Enti di gestione. Lori: "Turismo slow in forte crescita". In primo piano la biodiversità

Circa 2.700 specie diverse di piante, oltre 350 specie animali,  una grande varietà di habitat naturali: foreste, zone umide, fiumi, laghi, montagne. Per la sua particolare collocazione geografica l’Emilia-Romagna presenta una straordinaria ricchezza di biodiversità.

Un patrimonio che la Regione vuole tutelare e valorizzare sia sul piano ambientale, sia promuovendo  forme di turismo slow, attento e consapevole. 

Va in questa direzione il nuovo Programma di investimenti per i parchi e le aree protette  approvato dalla Giunta regionale e che mette a disposizione 3,6 milioni di euro per il triennio 2021-2023.  Risorse che si aggiungono ai quasi 4,5 milioni di euro già assegnati a marzo come contributo 2021 per le spese di funzionamento e di gestione degli Enti parco.

Una precisa scelta di campo a favore dell’ambiente visto anche come occasione di crescita e di sviluppo sostenibile per l’intero territorio regionale. Dopo la drammatica esperienza della pandemia, la pietra angolare di una ripartenza che sarà tale solo se sarà anche green.

Destinatari delle risorse i cinque enti di gestione dell’Emilia Occidentale, Emilia Centrale, Emilia Orientale, Romagna, Delta del Po,  oltre al Parco interregionale Sasso Simone Simoncello.

Ovvero le realtà cui fa capo una buona parte dell’estesa rete delle aree protette, presente in Emilia-Romagna: 14 parchi regionali2 parchi nazionali e 1 interregionale, 15 riserve naturali34 aree di riequilibrio ecologico, 158 siti della Rete Natura 2000. Pari a oltre il 16% dell’intero territorio emiliano-romagnolo.

  

Il 30% delle risorse alla biodiversità

Interventi per la rete escursionistica e cicloturistica; installazione e manutenzione della segnaletica; strutture quali torrette di avvistamento e capanni per l’osservazione della fauna. E ancora: acquisizione, oltre che riqualificazione e risanamento ambientale di aree di pregio naturalistico. Fornitura e  installazione di attrezzature per ridurre i danni prodotti dalla fauna.

Questi alcuni degli interventi che potranno essere finanziati dalla Regione. Ma con una precisa indicazione: almeno il 30% dell’importo complessivo dei progetti candidati dovrà essere destinato a favore della conservazione della biodiversità.

Per presentare i propri interventi, gli Enti di gestione dei parchi hanno tempo fino al 30 giugno. L’importo minimo di ciascuno dovrà essere di 40 mila euro e il contributo regionale potrà arrivare a coprire fino ad un massimo del 90% della spesa ammissibile.

Le risorse verranno assegnate a ciascun Ente di gestione per il 60% sulla base della superficie delle aree protette e per il 40% sulla base del numero, oltre a una quota fissa pari a 150mila euro.

  

Dichiarazione dell'Assessora regionale Barbara Lori

“Investire nel rafforzamento del ‘capitale naturale’ rimane centrale per la Regione, che si impegna affinché i parchi non siano solo tutelati, ma anche vivibili per un turismo slow in forte crescita. Dopo alcuni anni riproponiamo un programma triennale di investimenti destinato specificatamente alle aree protette, perché crediamo e sosteniamo concretamente progetti che sono delle vere e proprie idee di parchi a misura d’uomo, dove il valore delle biodiversità e la promozione di un territorio da scoprire vanno a braccetto. Nonostante il periodo difficile, abbiamo continuato a lavorare per rispondere sempre alle domande che vengono dai territori. Con questo ulteriore passaggio, abbiamo ribadito quanto il ruolo dei parchi risulti fondamentale per l’Emilia-Romagna”.

 

Parchi e natura in Emilia-Romagna

3,6 milioni di euro per progetti di tutela e valorizzazione

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/04/19 10:00:00 GMT+2 ultima modifica 2021-04-19T12:30:32+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina