Calderara di Reno, la plastica monouso presto bandita da eventi pubblici, dalla vendita e dalle mense private

Un nuovo provvedimento da parte del Comune vieta l’utilizzo del materiale usa e getta a partire da ottobre 2019

Il Comune di Calderara di Reno dal primo ottobre diventa plastic free. Non si tratta di un semplice invito ai cittadini a essere più sensibili verso i temi ambientali, ma di un divieto ben preciso per la limitazione dell’uso della plastica non degradabile. Nel provvedimento si vieta, su tutto il territorio comunale, l’uso di bicchieri, piatti, posate e sacchetti di plastica monouso non compostabili nel corso di sagre ed eventi pubblici nonché nelle mense pubbliche.

Si tratta di un’ordinanza che fa del Comune calderarese uno dei primi in Emilia-Romagna a dire un no così netto all’utilizzo della plastica monouso.

Al fine di consentire l’esaurimento delle scorte, solo dal primo gennaio 2020, sarà vietata, la vendita e l’uso, anche nelle mense private, di bicchieri, piatti, posate e sacchetti di plastica monouso non compostabili, nonché la vendita e l’uso di bastoncini per l’igiene orale, sempre nei confini del Comune calderarese.

Il Comune, nell’ordinanza, si appella all’articolo 1 della legge 123 del 2017, che prescrive il divieto definitivo di vendere contenitori non biodegradabili non rispondenti alla normativa comunitaria, e alla decisione della Comunità europea di ridurre il monouso dal 2021.

  

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/07/26 10:01:41 GMT+2 ultima modifica 2019-07-26T10:01:41+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina