A Parma arrivano 900 monopattini elettrici condivisi

Attivo il nuovo servizio di micromobilità con mezzi che si utilizzano in modalità "free floating"

A Parma al via da ieri 3 settembre il nuovo servizio di micromobilità dedicato ai monopattini elettrici condivisi in modalità free "floating": gli utenti prendono le bici, le usano e le lasciano dove vogliono in città. 

Il servizio sarà gestito da 3 diverse società private che si sono aggiudicate il bando di gara pubblicato da Infomobility, su incarico del Comune di Parma: Bit Mobility srl, Helbiz Italia srl, Wind Mobility GmbH – Italia.

Nelle prossime settimane i cittadini di Parma avranno a disposizione per spostarsi da un punto all’altro della città circa 900 monopattini elettrici in modalità free floating, equamente divisi tra le tre società aggiudicatarie; i mezzi potranno essere noleggiati attraverso un’APP dedicata, utilizzati per lo spostamento e parcheggiati in un altro punto della città, nel rispetto del codice della strada.

Particolare attenzione è stata posta al tema della sicurezza: nel giorno di avvio del servizio giovedì 3 e nei sabati successivi - sabato 5, sabato 12, sabato 19 Settembre - in piazza Garibaldi e piazzale della Pace verrà fornita ai cittadini la possibilità di effettuare prove di guida dei mezzi, verranno fornite istruzioni sulle modalità di guida in sicurezza, sulle regole di circolazione e verrà distribuito materiale informativo da parte del personale delle società che gestiscono il servizio.

Il servizio è attivo 7 giorni su 7 e prevede un call center a supporto degli utenti; le APP delle tre società permettono agli utenti di noleggiare e prelevare i mezzi, ma anche di informarsi in tempo reale sulle aree e sui percorsi consentiti alla circolazione e alla sosta del mezzo.

A differenza di quanto avviene in altre città italiane, a Parma i monopattini elettrici non potranno circolare ed essere parcheggiati nelle Isole Ambientali; grazie a un sistema automatico che ne disattiva il funzionamento, è possibile condurre il mezzo solo a mano, al fine di evitare possibili situazioni di pericolo per i pedoni. I mezzi possono circolare solo in ambito urbano, con prolungamento fino al Campus Universitario, mentre per favorire l’intermodalità con gli altri mezzi di trasporto viene garantita la disponibilità dei mezzi in alcuni luoghi di interscambio, come ad esempio presso la Stazione Ferroviaria, i parcheggi scambiatori Nord, Est, Ovest, Sud, via Traversetolo, viale Villetta, nel parcheggio antistante il Cinecity alla rotonda del Campus Universitario e al Palasport.

Ricordiamo che i monopattini sono equiparati dal punto di vista del codice della strada alla bicicletta dalla legge n.160 del 27/12/2019; è necessario avere compiuto almeno 14 anni di età, essere in possesso di una patente AM, ed è consigliato l’uso del casco (obbligatorio per i minori di 18 anni).

I mezzi devono circolare sulle piste ciclabili non superando il limite di velocità dei 20 km/h oppure, in loro assenza, devono mantenere la destra sulla carreggiata stradale. Non è ammesso nessun ulteriore passeggero, oltre al conducente, così come non è possibile il trasporto di cose o animali. I mezzi devono essere parcheggiati secondo le norme del codice della strada, possibilmente nei pressi di rastrelliere, evitando di intralciare lo spazio pubblico; gli operatori dovranno rimuovere tempestivamente i veicoli che non risulteranno regolarmente posteggiati.

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2020/09/04 08:07:23 GMT+2 ultima modifica 2020-09-04T08:07:23+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina