Parchi, foreste e Natura 2000

III assemblea MAB UNESCO dell’Appennino Tosco-Emiliano

12/02/2019 - L'Assemblea consultiva, prevista per il 19 febbraio a Fivizzano, sarà l'occasione per presentare il resoconto delle progettualità dell'ultimo anno, il brand "I care appennino" e la prima bozza del "Piano d'Azione".

Martedì 19 febbraio, in occasione della terza assemblea consultiva della MAB, che si terrà a Fivizzano in Lunigiana, alcune importanti aziende nazionali e altre altrettanto importanti imprese e associazioni locali saranno insignite del brand "I CARE APPENNINO" che potranno utilizzare secondo le linee Guida approvate dal Comitato di Gestione della Riserva MAB UNESCO.

"I CARE APPENNINO" – spiega Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera e presidente del Parco Nazionale dell'Appennino Tosco-Emiliano, non è un semplice logo o un'etichetta in più da applicare su un prodotto per certificarne le qualità. La strategia di branding dell'Appennino Tosco-Emiliano intende essere l'identificazione e la valorizzazione del territorio, delle sue comunità come Riserva della Biosfera; è rivolta a clienti, consumatori e turisti, ma soprattutto a residenti e imprese, ai protagonisti della vita della MAB UNESCO. Attraverso 'I CARE APPENNINO'  intendiamo esplicitare ciò che significa veramente essere MAB, ovvero un equilibrio tra uomo e biosfera, la qualità sociale e le relazioni umane, il senso di comunità di questo territorio, l'appartenenza, l'autenticità. Un equilibrio che deve essere evidente nelle comunità, nelle imprese e nell'economia, un equilibrio che si traduce nella parola sostenibilità.
Il "Brand" verrà consegnato ai seguenti progetti:

  • "La Scuola per l'Appennino" finanziato dalla Banca popolare dell'Emilia-Romagna attraverso fondi dedicati e l'emissione di una carta prepagata "brandizzata I care". Il progetto finanzia la realizzazione da parte delle scuole Mab di progetti sulla sostenibilità e lo scambio di conoscenze fra le diverse realtà della Riserva.
  • "Boschi e cambiamento climatico" finanziato da ENEL che prevede interventi sulle foreste appenniniche per renderle più resilienti di fronte alla minaccia dei cambiamenti climatici.
  • "Turismo rurale e responsabile" è un progetto della cooperativa Sigeric (Lunigiana) che mira a formare gli operatori turistici e indirizzarli verso forme di turismo sostenibile.
  • "Appennino in città" è un progetto della Comunità Slow Food Appennino Reggiano che organizza il mercato della terra nella città di Reggio Emilia e laboratori culturali.
  • "Filiera corta e solidale" è un progetto dell'Azienda agricola Montagnana che produce parmigiano reggiano biologico e che, nell'ambito della propria festa annuale dei Gruppi d'acquisto solidale, metterà a disposizione la propria rete commerciale di altri piccoli produttori della Mab.
  • "Recupero edilizio per la sicurezza e l'efficienza energetica" l'Associazione Obiettivo Casa realizzerà incontri nell'area della Riserva della biosfera per promuovere il recupero edilizio soprattutto in relazione all'adeguamento sismico e all'efficienza energetica.
  • "La prendiamo di petto" è un progetto delle Associazioni il ritrovo di Roberta e Assistenza pubblica CAV (Garfagnana) che si prende cura delle donne colpite da tumore al seno offrendo servizi di trasporto gratuito, realizzazione di incontri ed altro

Successivamente alla cerimonia di consegna del "Brand" seguirà la proposta per l’Action Plan e la presentazione dei relativi progetti.

Per maggiori informazioni:

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/02/12 12:24:37 GMT+1 ultima modifica 2019-02-12T12:24:37+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina