Parchi, foreste e Natura 2000

Valle della Canna, misure eccezionali per fronteggiare l’emergenza botulino

Il Parco del Delta del Po ha disposto lo stop alla caccia nel raggio di 3 km dall’area

Il Parco del Delta del Po comunica di aver disposto in data odierna, con Decreto Presidenziale, la sospensione di qualsiasi forma di attività venatoria in un raggio di 3 km dal perimetro dell’area interessata dalla moria di uccelli anatidi a causa, presumibilmente, dell’intossicazione da tossina botulinica di tipo C, fenomeno riscontrato la scorsa settimana in Valle Mandriole, o Valle della Canna. Va ricordato che nell’area interessata dal fenomeno l’attività venatoria non è mai consentita, a differenza delle Aree contigue. Tale provvedimento risponde a un triplice obiettivo: in primis, permette di consentire la permanenza degli uccelli in acque non contaminate, evitando la migrazione dalla zone contigue all’area di criticità. In secondo luogo, evita il potenziale abbattimento a un numero consistente di esemplari sani che, presumibilmente, a fronte dell’anomala presenza umana nell’area interna della Valle per la rimozione delle carcasse, si sono spostati nelle zone contigue ove vi è minor disturbo; infine, tale provvedimento è motivato dalla necessità di non causare un’eccessiva pressione sulle specie già interessate dalla moria.
La sospensione dell’attività venatoria è immediatamente in vigore nelle Aree contigue del Sub comprensorio n.4 “Ravenna-Alfonsine-Cervia” denominato PP Ravenna, in un raggio di 3 km dal perimetro di Valle Mandriole, e resterà valida fino a specifica revoca.
Il Parco del Delta del Po comunica che tale provvedimento è stato condiviso con ISPRA e con tutti gli enti competenti che si sono attivati immediatamente a partire dalla segnalazione del Comune di Ravenna e l’immediata convocazione del tavolo emergenziale di giovedì 3 ottobre.

Il Comune nel frattempo, insieme a tutti gli enti competenti, ha favorito azioni straordinarie per il ricambio delle acque della valle in maniera rapida e per fornire così ossigeno all’area e limitare la proliferazione del botulino con l’auspicio di uscire dall’emergenza.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/08 09:58:19 GMT+2 ultima modifica 2019-10-08T09:58:19+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina