Rifiuti, siti contaminati e servizi pubblici ambientali

Il progetto del PRRB (2022-2027)

Il progetto del Piano Regionale di gestione dei Rifiuti e per la Bonifica delle aree inquinate (2022-2027)

Cosa fa la Regione

l percorso verso la nuova pianificazione regionale in materia di rifiuti è stato avviato con l’approvazione del documento programmatico contenente gli obiettivi strategici e le scelte generali del Piano Regionale di gestione dei Rifiuti e per la Bonifica delle aree inquinate 2022-2027 (PRRB), approvato con d.G.R. n. 643 del 03/05/2021.

Si tratta di una novità rispetto alla precedente stagione di pianificazione, in quanto il nuovo Piano unirà le politiche della Regione con riferimento a due settori strategici, quello dei rifiuti e quello delle bonifiche, per il proprio sviluppo economico-territoriale in una chiave di sostenibilità.

Il nuovo Piano regionale assumerà quindi contenuti inediti, ponendosi come un vero e proprio programma di sviluppo economico-territoriale della Regione secondo quanto previsto dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Gli obiettivi del nuovo PRRB in materia di rifiuti, che sono stati definiti tenendo in considerazione anche i risultati finora conseguiti, sono suddivisi per tipologia di rifiuti.

Per i rifiuti urbani gli obiettivi sono:

  • raccolta differenziata all’80% su base regionale;
  • riciclaggio al 70%;
  • prevenzione della produzione totale dei rifiuti come previsto dal Piano Nazionale (diminuzione del 5% per unità di PIL);
  • divieto di avvio a smaltimento in discarica dei rifiuti urbani indifferenziati;
  • divieto di autorizzazione di nuove discariche che prevedano il trattamento di rifiuti urbani;
  • rifiuto urbano pro-capite non inviato a riciclaggio non superiore a 120 kg/ab anno;
  • estensione a tutti i Comuni dell’applicazione della tariffazione puntuale.

Per i rifiuti speciali gli obiettivi sono:

  • prevenzione della produzione di rifiuti speciali attraverso l’incremento del mercato dei sottoprodotti ed incentivi per la conversione dei sistemi produttivi (innovazione del design e utilizzo nel processo produttivo di materie prime seconde);
  • riduzione del 10% della produzione di rifiuti speciali da inviare a smaltimento in discarica;
  • completa autosufficienza regionale a livello impiantistico, anche prevedendo nuove installazioni.

Il nuovo PRRB prevederà inoltre l’installazione di impianti di pannelli fotovoltaici nella sistemazione finale delle discariche di rifiuti per fornire il proprio contributo agli obiettivi energetici della Regione.

Il nuovo PRRB, nella parte riguardante le bonifiche delle aree inquinate, fungerà da strumento per l’analisi delle situazioni critiche e l’individuazione degli interventi prioritari con cui la Regione, in attuazione della normativa vigente, assolve ad una gestione ambientalmente sostenibile del proprio territorio e delle proprie risorse, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030. Il Piano costituisce, inoltre, strumento di promozione di strategie di recupero ambientale e rigenerazione urbana dei cosiddetti brownfield, cioè siti inquinati localizzati in ambito urbano o urbanizzato, con un potenziale valore di mercato in quanto dotati di opere di urbanizzazione e prossimi a linee e raccordi di trasporto.

Per le bonifiche il PRRB distingue tra obiettivi generali e obiettivi specifici.

Gli obiettivi generali posti dalla normativa di settore sono la bonifica delle aree inquinate presenti sul territorio e la loro restituzione agli usi legittimi, attraverso la governance dei soggetti obbligati.

Gli obiettivi specifici, che costituiscono declinazione degli obiettivi generali di Piano, sono quelli di seguito indicati:

  1. prevenzione dell’inquinamento delle matrici ambientali;
  2. ottimizzazione della gestione dei procedimenti di bonifica;
  3. promozione delle migliori tecniche disponibili di risanamento dei siti contaminati;
  4. gestione sostenibile dei rifiuti prodotti nel corso degli interventi di bonifica;
  5. implementazione di una strategia per la gestione dell’inquinamento diffuso;
  6. promozione di strategie di recupero ambientale e rigenerazione dei brownfield;
  7. promozione della comunicazione ai cittadini rispetto ai temi che attengono alla bonifica dei siti contaminati.

Il 27 maggio 2021 l’Assemblea Legislativa ha approvato il documento strategico dando ufficialmente avvio al percorso verso l’approvazione del nuovo strumento di programmazione.

Norme e atti

  • DGR 643 del 3 maggio 2021  (pdf970.67 KB)
    "Presentazione all'Assemblea legislativa degli obiettivi e delle scelte strategiche generali del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti e per la Bonifica delle Aree Inquinate 2022-2027"
  • Assemblea legislativa - Ordine del giorno n. 3465 del 27 maggio 2021 (pdf244.88 KB): "Oggetto n. 3465 - Ordine del giorno n. 2 collegato all’oggetto assembleare 3330 "Presentazione da parte della Giunta regionale degli obiettivi strategici e delle scelte generali del Piano regionale di gestione dei rifiuti e per la Bonifica delle aree inquinate 2022-2027 (PRRB), ai sensi dell'art. 34 della legge regionale 18 luglio 2017, n. 16".

Su questo argomento vedi anche...

News del sito regionale relativa alla presentazione dell’assessore all’ambiente degli obiettivi strategici e le scelte generali del Piano 2022-2027

Azioni sul documento

pubblicato il 2021/07/01 15:37:00 GMT+1 ultima modifica 2022-07-27T11:20:24+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina