Carsismo e grotte nelle evaporiti dell’Appennino Settentrionale - Patrimonio mondiale Unesco

Evento del 13 ottobre 2023, presso la sede della Regione Emilia-Romagna

Devi accettare i cookie di youtube per vedere questo contenuto.

Chiudi questo pop-up e abilitali dalla pagina Privacy del sito alla voce Gestisci i cookie di questo sito.

Programma

Saluti istituzionali Il percorso fino al riconoscimento UNESCO e prospettive future - Barbara Lori | Assessore a Programmazione territoriale e paesaggistica, Edilizia, Forestazione, Parchi, UNESCO

Lo straordinario valore universale dei gessi, il carsismo nelle evaporiti, il vetro di pietra (lapis specularis) - Stefano Lugli - Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Perché il carsismo nelle evaporiti dell’Emilia-Romagna è diventato un World Heritage? - Paolo Forti - Università degli Studi di Bologna

La vita nelle grotte: valori biologici nei siti Patrimonio dell’Umanità - Massimiliano Costa - Coordinatore tavolo tecnico scientifico Il percorso di valutazione di IUCN - Gordana Beltram - valutatrice IUCN - proiezione video 45th Comitato Mondiale UNESCO, Rijad

L’impegno della Regione nella gestione del riconoscimento Paolo Ferrecchi | Direttore Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente Liborio Stellino | Ambasciatore italiano presso UNESCO a Parigi

Conclude - Gilberto Pichetto Fratin | Ministro dell’ Ambiente e della Sicurezza Energetica

****

Programma

00:17 Video emozionale

4:04 Saluti istituzionali

6:58 Il percorso fino al riconoscimento UNESCO e prospettive future - Barbara Lori, Assessore a Programmazione territoriale e paesaggistica, Edilizia, Forestazione, Parchi, UNESCO

26:30 Lo straordinario valore universale dei gessi, il carsismo nelle evaporiti, il vetro di pietra (lapis specularis) - Stefano Lugli, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

43:32 Perché il carsismo nelle evaporiti dell’Emilia-Romagna è diventato un World Heritage? - Paolo Forti, Università degli Studi di Bologna

1:04:06 La vita nelle grotte: valori biologici nei siti Patrimonio dell’Umanità - Massimiliano Costa, Coordinatore tavolo tecnico scientifico

1:27:33 Il percorso di valutazione di IUCN - Gordana Beltram, valutatrice IUCN, proiezione video 45th Comitato Mondiale UNESCO, Rijad

1:58:00 Video nomina

2:06:00 L’impegno della Regione nella gestione del riconoscimento - Paolo Ferrecchi, Direttore Generale Cura del Territorio e dell’Ambiente - Liborio Stellino, Ambasciatore italiano presso UNESCO a Parigi

2:11:23 Conclude - Gilberto Pichetto Fratin, Ministro dell’ Ambiente e della Sicurezza Energetica

****

L’UNESCO World Heritage Committee, riunito per la sua 45 ma sessione a Riyad (Arabia Saudita) dal 10 al 25 settembre 2023, ha iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale il “Carsismo e Grotte nelle Evaporiti dell’Appennino Settentrionale” come sito naturale. Le grotte e i fenomeni carsici racchiusi nelle sette aree di cui è composto il sito sono ufficialmente riconosciute come valore universale per le loro caratteristiche di unicità e rappresentatività dell’evoluzione geologica e geomorfologica della Terra.

Un sito seriale composto da sette aree nelle province di Reggio Emilia, Bologna, Rimini e Ravenna: Alta Valle Secchia (Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano), Bassa Collina Reggiana (Paesaggio Protetto della Collina Reggiana), Gessi di Zola Predosa (sito Natura 2000), Gessi Bolognesi (Parco Regionale dei Gessi Bolognesi e Calanchi dell’Abbadessa), Vena del Gesso Romagnola (Parco Regionale della Vena del Gesso Romagnola), Evaporiti di San Leo (sito Natura 2000), Gessi della Romagna Orientale (Riserva Naturale Regionale di Onferno).

Il “Carsismo e Grotte nelle evaporiti dell’Appennino Settentrionale” è il 59mo sito italiano iscritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO.

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-12-15T10:37:17+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina