sabato 23.06.2018
caricamento meteo
Sections

Parchi, foreste e Natura 2000

Paesaggio protetto Torrente Conca

Un corridoio naturalistico ed ecologico tra il paesaggio delle colline dell'entroterra e la pianura fino alla spiaggia balneare riminese.

Istituito nel 2011.
Superficie: 2948 ettari.
Provincia di Rimini.
Comuni di: Cattolica, Misano Adriatico, San Giovanni in Marignano, San Clemente, Morciano di RomagnaMontescudo - Montecolombo, Montefiore Conca, Gemmano, Saludecio, Mondaino

Paesaggio collinare del Rio Montepietrino - autore Lino CasiniL’area comprende l’alveo del Torrente Conca ed una fascia di territorio bilaterale ad esso che va dalla foce al confine con la Regione Marche, ed inoltre il Rio Montepietrino ed il Ventena di Gemmano.
Il Conca scorre tra formazioni geologiche di origine marina incidendole nel tratto collinare e montano fino all’altezza dell’abitato di Taverna, a valle del quale cominciano a prevalere le azioni di trasporto e deposito dei sedimenti precedentemente erosi.
Le caratteristiche geografiche della Valle del Conca, la presenza di alcuni ambienti relitti lungo l’alveo (boschi igrofili, cespuglieti degli alvei fluviali, stagni artificiali), la presenza di un’importante zona umida (invaso di oltre 50 ha) e il proposto ripristino dei chiari dislocati lungo il corso del fiume, vicarianti degli ambienti naturali dei corsi d’acqua di pianura (stagni naturali e lanche), formano un sistema di zone umide di una certa importanza per aumentare la tutela degli ambiti boschivi fluviali e la già ricca comunità nidificante di uccelli acquatici. Inoltre, la collocazione sulla linea di costa del bacino di maggiori dimensioni, è un elemento di grande importanza per l’avifauna che compie la migrazione utilizzando ogni anno la linea costiera di spostamento. La fauna comprende una ricca comunità nidificante di uccelli acquatici, tra cui si segnalano specie di importanza comunitaria quali Succiacapre, Averla piccola e Martin pescatore. Altre specie di importanza comunitaria presenti sono il Tritone crestato tra gli anfibi e il Ferro di cavallo maggiore tra i chirotteri. Le fasce boscose degli alvei fluviali e dei greti sono gli unici ambienti nei quali, anche nelle zone fortemente antropizzate della pianura, rimangono lembi di vegetazione a volte riconducibile ad assetti naturali. La vegetazione è composta da formazioni igrofile che tendono ad evolvere verso formazioni termoxerofile ai margini e nelle porzioni più elevate del greto e lungo il fiume sono costituiti essenzialmente da diverse specie di salici arbustivi. Nelle porzioni di greto più distanti dal corso d’acqua crescono Pioppo nero e Ontano nero e dove il substrato è meno ricco di materiale ghiaioso e più ricco di limo ed argilla il saliceto assume dimensioni arboree e ad esso si associa il Pioppo bianco. Di notevole importanza naturalistica sono i numerosi esemplari secolari di roverella che popolano le parti più elevate dei versanti.

Ente di gestione

Enti di gestione per i Parchi e la Biodiversità - Romagna

Atto istitutivo

Deliberazione del Consiglio Provinciale di Rimini n. 33 del 28/06/2011 - allegati A e B 

Link

Cartografia

Carta di dettaglio

Inquadramento territoriale

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/12/2011 — ultima modifica 28/08/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it