Parchi, foreste e Natura 2000

Ciclovia del Taro

Parco Regionale fluviale del Taro

sentiero-delle-Farfalle-Tar.jpgLa ciclovia del Taro si compone di due diversi itinerari fisicamente distinti ma complementari e, volendo, percorribili l’uno di seguito all’altro. Si parte dalla stazione ferroviaria di Collecchio e, attraversato il centro, si va in direzione sud  lungo la vecchia Statale della Cisa per un paio di chilometri, voltando a destra su viabilità secondaria fino a Corte Giarola, complesso monumentale di grande fascino storico e architettonico, nonché sede del parco, e centro visita, che offre possibilità di noleggio di biciclette.

Il primo itinerario è abbastanza semplice, tutto su terreno pianeggiante, lungo tranquille stradine campestri che si snodano verso sud (monte) toccando l’edificio monastico di Oppiano, antico punto di sosta dei pellegrini che percorrevano il fondovalle diretti a Fornovo, lungo la via Francigena per Corte-di-Giarola_Grazioli.jpgRoma. Oltrepassata la frazione di Villanova si giunge ad Ozzano Taro, di nuovo sulla Statale della Cisa, dove si volta a sinistra per chiudere l’anello passando per Gaiano: qui, eventualmente, c’è la possibilità di connettersi con la ciclovia dei Boschi di Carrega. L’ambiente è sempre rurale, senza traffico, tra siepi, filari di gelsi ed esemplari di querce o di noci isolati fra i campi.

Il secondo anello parte sempre da Corte Giarola ma si snoda a ridosso del Taro e degli antichi canali che si dipartono dal corpo idrico principale, in ambiente fluviale vero e proprio (boschi, boschetti, ambienti sassosi di greto), su sentiero a fondo naturale pianeggiante ma piacevolmente movimentato e più “avventuroso”: basta peraltro un minimo di attenzione a qualche repentino cambiamento di direzione, qualche passaggio relativamente stretto o con fondo un po’ accidentato (sassi, radici, talvolta pozzanghere) e a qualche piccolo guado.

Vista 3D su Google Earth

Vista 3D Itinerario su Google Earth

Nell'immagine precedente si vedono appaiate, in rosso, sulla sinistra la iclovia del Taro e a destra la ciclovia dei Boschi di Carrega, che condividono il tratto di partenza nell'abitato di Collecchio (PR). In viola sono rappresentate le varianti per MTB ed in blu il tratto di collegamento fra le due.

Per chi desideri caricare la traccia nel proprio dispositivo GPS (o App dedicata per dispositivo Mobile), è possibile scaricare il file in formato GPX dell'itinerario principale (gpx47.14 KB) ed il GPX della variante per MTB (gpx41.68 KB).

Per visualizzare il percorso su Google Earth (Desktop o Mobile), corredata dei Punti di Interesse (POI), è disponibile anche il file in formato KMZ (kmz11.47 KB).

Infine potete non solo visualizzare l'itinerario ed i relativi Punti di Interesse ma anche farvi guidare lungo l'intero percorso mediante la App "Maps4You" della Regione Emilia-Romagna. Una volta installata la App (disponibile per sistemi Android e Apple), occorrerà andare nella Sezione "Cultura e Turismo" - Sottosezione "Alta Via e Ciclovie dei Parchi".

 SCHEDA TECNICA

scheda tecnica

 SPECCHIETTO ALTIMETRICO

altimetria-alta.jpg

 CARTOGRAFIA 

  taro_mappa2020.jpg

LE ALTRE CICLOVIE==>

Azioni sul documento

pubblicato il 2012/05/29 07:55:00 GMT+2 ultima modifica 2021-06-01T14:43:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina