Parchi, foreste e Natura 2000

Parco regionale Corno alle Scale

La più bella montagna del bolognese, solcata da torrenti impetuosi e incorniciata dai boschi.

Logo ParcoCarta di identitàEmiliaorientale.jpg
Istituito nel 1988.
2.560 ha di parco e 2.121 di area contigua.
Provincia di Bologna. Comune di Lizzano in Belvedere



 

foto:Il Corno alle Scale con le ritmiche stratificazioni (Archivio Servizio Parchi)Cinquemila ettari di parco per la cima più alta dell'Appennino bolognese, un massiccio che sfiora i duemila metri segnato fino alla vetta dagli strati di arenaria (da cui il nome le "Scale", appunto) ben evidenti come il profilo di un libro poggiato sopra la faggeta. Vallate solitarie, piccoli paesi che emergono dal bosco, santuari e cascate sono disposti a ventaglio ai piedi della montagna. Confinante con il parco dell'Alto Appennino Modenese, offre splendidi panorami montani. Le foreste di latifoglie, soprattutto faggio, interessano buona parte della superficie e avvolgono il corso solitario di torrenti cristallini. Circhi glaciali e praterie d'altitudine sono gli habitat di preziosità botaniche, ultimo avamposto delle Alpi, e pure di una fauna ricca e interessante. Spioncelli e culbianchi volano sugli estesi vaccinieti, frequentati in estate per la raccolta dei mirtilli, mentre spesso l'aquila reale compare alta in cielo. Sono visibili anche mufloni e marmotte, specie alloctone introdotte nel dopoguerra, mentre caprioli e cinghiali si sono naturalmente diffusi ovunque nei boschi, prede del fugace lupo. Fin dal Medioevo questi rilievi conobbero una discreta frequentazione per il pascolo e lo sfruttamento del legname, oggi ormai solo una ricordo. Torri e castelli sono quasi spariti, ma nei borghi le architetture tradizionali montane resistono in certi dettagli delle costruzioni in pietra, come i comignoli tondi sormontati da una lastra circolare, oppure le mummie, singolari figure antropomorfe scolpite. Meta famosa il santuario di Madonna dell'Acero, nota e sobria espressione della religiosità popolare tradizionale. Le nevi delle pendici occidentali del Corno sono le piste da sci dei villeggianti invernali, mentre una presenza celebre sottolineata con orgoglio dai locali è quella del giornalista Enzo Biagi nativo di Pianaccio, piccolo paese al centro dell'area protetta, che assieme a Vidiciatico e Lizzano in Belvedere sono località turistiche molto frequentate.

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/12/14 17:50:00 GMT+2 ultima modifica 2019-02-06T10:20:02+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina