Parchi, foreste e Natura 2000

IT4040017 - ZPS - Valle delle Bruciate e Tresinaro

Superficie: 1100 ettari
Province e Comuni interessati: MODENA (Carpi, Novi di Modena)

Territorio confinante con IT4030019 SIC-ZPS

Formulario

Formulario Natura 2000 del sito IT4040017 (pdf, 190.72 KB)

Note esplicative al formulario (pdf, 1.26 MB)

Enti gestori

Regione Emilia-Romagna       

Strumenti di gestione

Misure Specifiche di Conservazione (pdf, 64.69 KB)

Misure Specifiche di Conservazione - Quadro conoscitivo (pdf, 3.61 MB)

Piano di gestione (pdf, 116.86 KB)

Seleziona dal Riepilogo le Misure regolamentari del settore agricolo previste nel Sito e cartografate (visualizzabili in formato KMZ e scaricabili in formato SHP)

Descrizione e caratteristiche

Pavoncella (Vanellus vanellus). Foto Maurizio Bonora, Mostra e Catalogo Biodiversità in Emilia-Romagna 2003Il sito è localizzato nella bassa pianura modenese a ridosso del confine provinciale con Reggio Emilia (che lo delimita a Ovest e a Nord) e comprende una vasta area agricola scarsamente urbanizzata attraversata dall’Autostrada del Brennero e dalla ferrovia Verona-Modena. Ricade in un una ex area valliva, contigua alla Cassa d’espansione del Tresinaro (RE), caratterizzata da vaste superfici coltivate a riso, colture cerealicole, allevamenti ittici, stagni per l’attività venatoria, un’estesa rete di canali (tra i quali il Collettore Acque Basse Modenesi e la Fossa Raso) e scoli minori. Il sito costituisce una delle zone della pianura emiliano-romagnola con le maggiori densità e superfici di risaie.

Habitat e specie di maggiore interesse

Habitat Natura 2000. Cinque habitat di interesse comunitario coprono poco meno del 4% di questo sito planiziale fortemente agricolo. Prevalgono gli habitat umidi di acque mesotrofiche perenni o temporanee, per lo più stagnanti e fiancheggiate da chenopodieti e paspaleti, non mancano bordi elofitici con canneti e magnocariceti, talora tendenti alla formazione lineare legnosa con salici e pioppi, anche con specie di terreni lungamente inondati come Gratiola officinalis e Scutellaria hastifolia. In riduzione e minacciato è l'habitat 3150 di acque mesotrofiche con vegetazione di Magnopotamion o Hydrocharition. 
Uccelli e altre specie. Sono state segnalate almeno 23 specie di interesse comunitario, 5 delle quali regolarmente nidificanti (Tarabuso, Tarabusino, Cavaliere d’Italia, Martin pescatore, Averla piccola). Falco di palude e Albanella minore sono nidificanti irregolari. E’, inoltre, un’importante area di sosta e di alimentazione al di fuori del periodo riproduttivo per numerose specie di Ardeidi, Anatidi e Limicoli. Raganella e Tritone crestato ancora sopravvivono in un contesto solo in parte a loro ancora favorevole. 

Per saperne di più

Flora del Modenese

Siti della bassa modenese

Cartografia

Carta di dettaglio (pdf, 5.73 MB)

Inquadramento territoriale

Azioni sul documento

pubblicato il 2011/12/02 10:40:00 GMT+2 ultima modifica 2018-04-05T16:32:00+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina