Parchi, foreste e Natura 2000

IT4080009 - ZSC - Selva di Ladino, Fiume Montone, Terra del Sole

Superficie: 222 ettari
Province e Comuni interessati: FORLI'-CESENA (Castrocaro Terme e Terra del Sole, Forlì)

Formulario

Formulario Natura 2000 del sito IT4080009 (pdf182.65 KB)

Note esplicative al formulario

Enti gestori

Regione Emilia-Romagna

Strumenti di gestione

Misure Specifiche di Conservazione (pdf3.45 MB)

Descrizione e caratteristiche

Tana di istrice. Foto Giorgio Di Nocco e Sandro Bassi, archivio personaleIl sito, localizzato nell’alta pianura forlivese a ridosso della prima collina, comprende il lembo residuo di bosco planiziale di querce noto come Selva di Ladino, la striscia boscata ripariale del fiume Montone dal parco fluviale di Castrocaro fino all’altezza di Rovere e il caratteristico borgo fortificato di Terra del Sole, che ospita importanti colonie di pipistrelli nei sotterranei dei cinquecenteschi, grandiosi e labirintici bastioni. L’eterogenea presenza di queste emergenze naturalistiche nobilita la conoide del Montone allo sbocco della pianura romagnola, in un paesaggio intensamente antropizzato (nonché prossimo agli ambienti urbani del capoluogo di provincia), adagiato su terrazzi fluviali quaternari di natura sabbiosa diffusamente coltivati a seminativi e frutteti (circa 60%), con prati e incolti (10%) di interesse floristico e ornitologico. Boschi e arbusteti non superano complessivamente il 20% del sito, tuttavia incidono significativamente sull’importanza di quest’area, vicina ed ecologicamente collegata da un lato alle rupi supramediterranee dello “Spungone”, dall’altro ai residui forestali planiziari mesofili di Farazzano, la Monda e Scardavilla, comprendendo però anche ambienti umidi ripariali simili a quelli di Magliano sul parallelo fiume Ronco, in una rete ecologica complessa e ricca di sfaccettature. I pipistrelli di Terra del Sole trovano nei vasti sotterranei dei bastioni un ambiente di rifugio e svernamento del tutto analogo a quello delle grotte sul vicino Spungone, e “convivono” con gli abitanti del borgo in modo davvero originale, con reciproci vantaggi legati al mantenimento degli orti e di un uso nullo o consapevolmente limitato delle antiche fortificazioni, peraltro abbandonate e di non facile accesso. Sette habitat d’interesse comunitario (due prioritari) investono complessivamente circa un quinto della superficie del sito, con prevalenza per tipi ripariali e forestali.

Vegetazione

l'orchidea saprofita Limodorum abortivum ad inizio fioritura. Foto Stefano Bassi, archivio personaleLa Selva di Ladino, già pesantemente ridotta ed alterata negli ultimi decenni, conserva aspetti della primigenia selva planiziaria a querce e latifoglie meso-termofile. Dominata dalla Roverella probabilmente con ibridi (Rovere), conserva qualche bella Farnia lungo il Montone, là dove il bosco diventa ripariale e abbondano olmo campestre, pioppi, salici e ontani. A una certa distanza dal fiume permangono i caratteri termo-acidofili dovuti alla calciocarenza del terreno su terrazzo fluviale e sotto il querceto compaiono Erica arborea, Serratula tinctoria, Cistus salvifolius. La Selva presenta analogie floristiche col vicino Bosco di Scardavilla, al quale si rimanda per una descrizione più completa, come variante più asciutta e mediterranea. E’ rilevante la presenza di alcune orchidee (Orchis provincialis, Limodorum abortivum, Serapias vomeracea, Spiranthes spiralis, Cephalanthera rubra, Epipactis helleborine) e del raro Erithronium dens-canis, anche se manca un elenco floristico aggiornato rispetto alle numerose e purtroppo datate segnalazioni di Pietro Zangheri (1966). Gli ambienti boschivi ripariali limitrofi al Montone, pur se abbondantemente invasi da specie avventizie come la Robinia, fanno parte “di fatto” di un parco fluviale pressochè continuo esteso da Castrocaro a Forlì, con importante funzione di corridoio ecologico. Merita un cenno la flora degli spalti di Terra del Sole, con caratteristici orti sopra e sotto le mura fatte di vecchi mattoni e conci di pietra, composta prevalentemente di specie naturalizzate quali Alloro, Ligustro e il non banale Cappero.

Fauna

Orecchione (Plecotus auritus). Foto Antonio Ruggeri, Mostra e Catalogo Biodiversità in Emilia-Romagna 2003Di assoluto rilievo la presenza di colonie riproduttive e siti di riposo e svernamento di Chirotteri legati ad habitat di grotta, così bene simulati dai sotterranei dei bastioni di Terra del Sole. Si contano almeno quattro specie di interesse comunitario (Miniottero, Vespertilio smarginato, Vespertilio maggiore, Rinolofo minore), più il Serotino ed altre specie (è ragionevole pensare che siano più o meno presenti tutte le specie riscontrate sul vicino Spungone. Tra gli altri mammiferi presenti, è segnalata la Puzzola (Mustela putorius) e, ormai diffuso su tutta la collina romagnola, l'Istrice (Hystrix cristata). L’avifauna annovera specie tipiche degli ambienti di campagna e ripari della pianura e della fascia pedecollinare: Martin pescatore, Succiacapre, Ortolano, Averla piccola e Bigia padovana (Sylvia nisoria) sono nidificanti; la presenza di quest'ultima specie è di particolare interesse in quanto divenuta rara e con distribuzione frammentaria in Regione. Rilevante è la presenza lungo le sponde erose del fiume Montone di colonie di Topino (Riparia riparia). Le acque del Montone ospitano cinque specie ittiche di interesse comunitario: Barbo (Barbus plebejus), Barbo canino (Barbus meridionalis), Lasca (Chondrostoma genei), Vairone (Leuciscus souffia) e Cobite comune (Cobitis taenia). Tra gli Insetti, è presente il Lepidottero Ropalocero Zerynthia polyxena.

Per saperne di più

La Valle del Fiume Montone

Cartografia

Carta di dettaglio

Inquadramento territoriale

Azioni sul documento

ultima modifica 2019-06-10T14:09:38+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina