Parchi, foreste e Natura 2000

Fauna

Riserva regionale Ghirardi

Logo Riserva 

Nella composizione del popolamento faunistico della riserva si osserva una grande eterogeneità , determinata dalla multiforme morfologia del territorio. La fauna della riserva comprende gli animali tipici delle zone montane tra cui la rarissima bigia grossa e specie di interesse comunitario  come succiacapre, averla piccola, cervo volante e cerambice della quercia.

Mammiferi

foto: una scrofa di cinghiale in fuga con i piccoli - Autore Guido Sardella Tra i mammiferi i più appariscenti sono certamente gli ungulati; è presente il Ferro di cavallo minore, pipistrello di interesse comunitario. Rettili e anfibi sono rappresentati tra gli altri dalle tre specie di tritoni che occupano l'Appennino settentrionale (Tritone crestato, Tritone comune e Tritone alpestre). La ridotta portata dei torrenti non permette la presenza di molti pesci di interesse comunitario, soprattutto nel torrente Rizzone, ma sono presenti specie poco comuni come Barbo canino e Ghiozzo padano.


L'avifauna

foto: un esemplare di torcicollo- Autore Guido Sardella Qui nidificano oltre 70 specie di uccelli, tra cui 7 rapaci diurni: falco pecchiaiolo, poiana, gheppio, sparviero, astore, lodolaio e biancone. 
Accanto a specie “mediterranee” come Gruccione, Biancone ed istrice, vivono e si riproducono specie tipiche di quote maggiori, quali Prispolone, Astore, Beccafico e, almeno in passato, la Passera scopaiola. Nidificante è anche la Bigia grossa.

 Dal punto di vista avifaunistico sono presenti specie di uccelli altrove minacciate quali i rapaci, ricchissima è anche l’avifauna di bosco, tra cui il torcicollo, un piccolo picchio migratore, che divora uova e larve di formica , legato ai paesaggi agricoli tradizionali e attualmente in forte diminuzione in tutta Europa. 

Azioni sul documento

ultima modifica 2012-05-28T18:59:00+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina