Parchi, foreste e Natura 2000

Un albero per ogni neonato

Grazie ai neonati una regione più "verde"

Cosa fa la Regione

Giovani latifoglie in contenitore. Foto Paolo MordiniLa Regione assegna un contributo ai Comuni emiliano-romagnoli che, a seguito della registrazione anagrafica, piantano un albero per ogni neonato e per ogni minore adottato residente e ha stabilito i criteri (pdf225.73 KB) per poterlo ottenere, le regole per l’erogazione e le specie da mettere a dimora (pdf6.93 KB).

Solo i Comuni con popolazione superiore ai 15.000 abitanti devono rispettare questo obbligo di legge.

La Regione inoltre mette a disposizione, dai vivai forestali che gestisce direttamente, giovani alberi per consentire ai Comuni di adempiere agli obblighi di legge; per i bambini e le bambine nati o adottati dal 1992 al 2019 ne ha distribuiti circa 213.500. Il termine per piantare gli alberi si applica tenendo conto del periodo migliore per la messa dimora e può essere rimandato in caso di avversità stagionali o per ragioni di ordine tecnico.

I Comuni devono anche provvedere a comunicare alle famiglie quale è l’albero loro assegnato ed il luogo in cui è stato piantato. 

Le famiglie interessate a ricevere informazioni sullo stato di attuazione della Legge n. 113/1992, "Un albero per ogni neonato", devono rivolgersi al proprio Comune di residenza. 

A chi rivolgersi

Per informazioni ai Comuni che vogliono richiedere le piante ed ottenere il contributo regionale:

Servizio Aree Protette, Foreste e Sviluppo della Montagna
Regione Emilia-Romagna

Viale Aldo Moro 30, 40127 Bologna
tel. 051.527.6080/6094 fax 051.527.6957
(indicazioni stradali su Google maps)
e-mail: segrprn@regione.emilia-romagna.it
e-mail certificata: segrprn@postacert.regione.emilia-romagna.it

Paolo Mordini: tel. 051.527.6815
e-mail: paolo.mordini@regione.emilia-romagna.it

Azioni sul documento

pubblicato il 2015/02/11 12:10:00 GMT+2 ultima modifica 2021-07-13T10:50:38+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina