Geologia, suoli e sismica

Una nuova veste per il catasto delle Cavità Naturali dell’Emilia-Romagna

On line la nuova interfaccia WebGIS del sito cartografico per consultare le 1008 grotte censite dalla Federazione Speleologica Regionale dell’Emilia-Romagna

Alla serie di siti tematici, già migrati nella nuova grafica interattiva, si aggiunge il sito cartografico per la consultazione del Catasto delle Cavità Naturali dell’Emilia-Romagna che rende disponibili, per ogni grotta censita, alcune informazioni generali, i dati identificativi, il rilievo e alcune immagini.

Il Catasto delle cavità naturali è stato istituito, al fine di assicurare la conoscenza e la conservazione delle aree carsiche e del Patrimonio ipogeo regionale, dalla Legge Regionale 9/2006 che affida alla Federazione Speleologica Regionale dell’Emilia-Romagna l’incarico della loro individuazione e all’Area Geologia Suoli e Sismica il compito di provvedere all’implementazione della banca dati e del WegGIS.

Il Catasto è stato uno strumento indispensabile per la predisposizione del quadro conoscitivo della candidatura UNESCO del sito “Carsismo e Grotte nelle Evaporiti dell’Appennino Settentrionale”. Al 2023, sono 633 le grotte e i fenomeni carsici censiti nel Catasto delle cavità naturali dell’Emilia-Romagna e racchiusi nelle sette aree di cui è composto il sito riconosciuto patrimonio mondiale Unesco (Riyad, Arabia Saudita, 19 settembre 2023).

Contenuti correlati

 

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-10-17T08:14:49+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina