Geologia, sismica e suoli

Carta del Fondo Naturale - antropico dei metalli pesanti

Carta del fondo naturale-antropico di As, Cd, Cu, Cr, Ni, Pb, Sn, V, Zn della pianura emiliano-romagnola a scala 1:250.000 (seconda edizione 2019)

Note illustrative Carta fondo naturale antropico 2019La Carta del Fondo Naturale-antropico della Pianura emiliano-romagnola in scala 1:250.000 rappresenta la distribuzione areale nel topsoil (20-30 cm di profondità) di nove metalli potenzialmente tossici – Arsenico [As], Cadmio [Cd], Cromo[Cr], Nichel [Ni], Zinco [Zn], Rame [Cu], Piombo [Pb], Vanadio [V] e Stagno [Sn] - nei suoli ad uso agricolo: tale profondità è ritenuta rappresentativa del contenuto di fondo naturale-antropico (background content secondo la norma ISO/DIS 19258, 2005).

La conoscenza del contenuto di fondo naturale-antropico dei metalli nei suoli è prevista dalla normativa come base per una corretta valutazione di eventuali fenomeni di contaminazione puntuale e fornisce un quadro dell’impatto della gestione agronomica e ambientale dal quale partire per individuare le aree più vulnerate da sottoporre a monitoraggio nonché creare le premesse per corrette scelte di gestione territoriale.

Tra il 2013 e il 2017 sono stati eseguiti rilievi e campionamenti che hanno portato alla stesura della seconda edizione e alla redazione di una nona carta: la Carta del Fondo Naturale-antropico del Cadmio.

Le altre due cartografie prodotte dal Servizio Geologico Sismico e dei suoli sono:

La Carta delle Anomalie Geochimiche è stata revisionata per tutti i sei metalli di interesse così come la Carta del Fondo Naturale giunta alla sua seconda edizione.

Note illustrative

 

Azioni sul documento

pubblicato il 2013/08/06 17:10:00 GMT+2 ultima modifica 2019-07-02T10:04:28+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina